Home > Webzine > ''El estudiante'' di Santiago Mitre, ilm-rivelazione del nuovo cinema argentino all'Odeon Firenze
venerdì 22 novembre 2019

''El estudiante'' di Santiago Mitre, ilm-rivelazione del nuovo cinema argentino all'Odeon Firenze

06-10-2014

Lunedì 6 ottobre 2014, alle ore 21.00, presso il Cinema Odeon di Firenze, verrrà presentato al pubblico il film "El estudiante (Lo studente)del regista Santiago Mitre. Il cinema fiorentino, in collaborazione con Exitmedia Distribuzione, proporrà quello che è il primo lungometraggio di Mitre, opera insignita con il Gran Premio della Giuria all'ultimo Festival di Locarno.
Un film che incide nel corpo vivo delle dinamiche politiche dell'Argentina, mettendo al centro della vicenda un personaggio che finisce con il simboleggiare le contraddizioni dell'universo studentesco argentino frazionato in innumerevoli sigle politiche.

Buenos Aires. Roque Espinosa ha deciso di iscriversi per la terza volta all'università e nei primi mesi, seppur smarrito nei meandri dell'ateneo, segue le lezioni e frequenta gli altri studenti. Poi, Roque s'innamora dell'assistente Paula e per stare con lei entra in contatto con la politica universitaria. L'incontro con il professor Alberto Acevedo, un ex politico che sfrutta la cattedra per forgiare strategie, gli farà scoprire la sua vocazione di leader studentesco: collaborando alle elezioni del nuovo preside, apprenderà regole, procedure e metodi di ascesa, imparerà a intavolare alleanze, raccogliere consensi e organizzare comizi. Tuttavia, il suo apprendistato lo renderà anche consapevole di un mondo poco diverso da quello della politica contemporanea.

Mitre, con una cinepresa che pedina il suo protagonista nei corridoi e nelle aule (i cui muri sono invasi da slogan e proclami), è consapevole di parlare ai propri connazionali che sanno come distinguere sigle e posizioni ideologico-politiche, ma cerca di fare un discorso che va al di là dei confini dell'Argentina. Ci riesce rendendo originale quel percorso di perdita dell'innocenza che più volte letteratura e cinema ci hanno proposto. Non teme di far uso di una voce narrante quando gli serve sottolineare alcuni elementi ma, soprattutto, sa come muoversi su quell'insidioso crinale che si situa tra il privato e il pubblico. Se, una volta giunti alla fine del film, con la scelta che Roque deve compiere, si torna a pensare alle immagini che marcano i titoli di testa, ci si accorge immediatamente di quanto il regista e sceneggiatore abbia lavorato con grande sensibilità su questi due versanti.

Biglietto: 8 euro (ridotto 6 euro); per informazioni www.odeonfirenze.com

LB