Home > Webzine > Marzo Donna 2015: Ingrid Bergman e Greta Garbo protagoniste alle Murate
lunedì 18 novembre 2019

Marzo Donna 2015: Ingrid Bergman e Greta Garbo protagoniste alle Murate

23-03-2015

Lunedì 23 marzo, alle ore 18.00, alla Cineteca del Caffè Letterario Le Murate è in programma, in occasione della rassegna "Marzo Donna 2015", la proiezione del film "Mata Hari" di George Fitzmaurice. La pellicola vede protagonista Greta Garbo che interpreta la danzatrice esotica Mata Hari,  una delle maggiori attrazioni della vita notturna nella Parigi del 1917, durante la Prima guerra mondiale, ma anche una delle più abili spie al servizio della Germania, che sfrutta del suo fascino misterioso per intessere relazioni con le importanti autorità militari presenti nella capitale francese, come il generale russo Shubin, con il quale ha maturato una particolare intimità.

Alle 19.30, la proiezione del film "Anna Christie" di Clarence Brown con Greta Garbo, Charles Bickford, George F. Marion Sr, Marie Dressler, James T. Mack (USA - 1931 - 74'). È la versione cinematografica del dramma scritto da Eugene O'Neill nel 1921. Narra la storia di un'ex prostituta e del suo incontro col padre marinaio che non vedeva fin dall'infanzia. La donna nasconde il suo passato ma è costretta a confessarlo a Matt, un amico del padre che le ha chiesto di sposarla. I due uomini riusciranno a comprendere il dramma di Anna dopo esserne rimasti dapprima sconvolti; Matt la sposerà ma s'imbarcherà assieme al padre su una nave che li aveva ingaggiati quando erano venuti a conoscenza della verità.

Inizia, alle 21.30, il film "Notorius" di Alfred Hitchcock con Ingrid Bergman, Cary Grant, Claude Rains, Louis Calhern, Reinhold Schünzel (USA - 1946 - 110'). I meriti più evidenti dell’opera includono un cast impeccabile. Sarebbe difficile immaginare attori diversi al posto di Claude Rains e Cary Grant, apoteosi dei loro personaggi sullo schermo. La scelta di Ingrid Bergman era quasi indispensabile, insieme a Casablanca sarebbe stato uno dei ruoli iconici della sua carriera. Ma il vero trionfo del film è la complessità emotiva e morale della vicenda il gioco di due uomini, uno contro l'altro, innamorati della stessa donna.

Info: www.lemurate.it