Home > Webzine > Middle East Now: ''No Land's Song'' vince il Premio del Pubblico
sabato 16 novembre 2019

Middle East Now: ''No Land's Song'' vince il Premio del Pubblico

15-04-2015

E' stato il film iraniano "No Land's Song" ad aggiudicarsi il Premio del Pubblico al sesto Middle East Now che si è svolto a Firenze dall'8 al 13 aprile.
Il documentario, girato dal regista iraniano Ayat Najafi, si concentra sulle avventure della giovane compositrice Sara Najafi (sorella del regista) e sul suo progetto di portare sul palco due cantanti iraniane insieme a tre artiste francesi, in un paese dove è vietato alle donne cantare di fronte a un pubblico misto. Un avvincente viaggio musicale tra i divieti e i tabù di un sistema che tenta di opporsi alla forza rivoluzionaria della musica e delle donne.
Il Premio “NYU Florence Best Short Film”, assegnato dalla giuria degli studenti della New York University Florence, è andato ad “Angelus Novus” di Aboozar Amini. La trama racconta la storia di due ragazzini afgani appena arrivati in Turchia come rifugiati. Per sopravvivere fanno i lustrascarpe, ma la concorrenza minaccia i loro sogni di un futuro migliore. La giuria della NYU Florence ha conferito anche una menzione d’onore a “Shouk” di Dotan Moreno. Piccolo gioiello di animazione, vincitore al Festival di Gerusalemme, racconta di un adolescente che vive sotto l’ombra protettiva della madre nella periferia israeliana. Uno spaccato di sopravvivenza quotidiana, che esplora questioni di marginalità e povertà, in una società alla ricerca della propria identità.
Il Premio “Best ISF” al miglior corto “young spirit” (spirito giovane), assegnato dagli studenti dell’International School of Florence, è andato a “The Neighbour” di Nayla Al Khaja. Il film narra le vicende della protagonista chiamata Sarah. Trasferita a Dubai per voltare pagina e lasciarsi alle spalle un fatto tragico la sua vita sarà animata dalle interazioni con una vicina di casa più anziana che le permetteranno di uscire dall’isolamento e, lentamente, riuscirà a confrontarsi con il suo passato. Finché un gesto di disattenzione minaccerà di distruggere questo nuovo legame.
Il Premio Best OFF per il miglior cortometraggio d’autore, conferito dalla giuria dei fondatori di OFF Cinema, rassegna di cinema corto dell’estate fiorentina, è andato a “Transit game”  di Anna Fahr. Un racconto di amicizia e di esilio nelle montagne del nord del Libano, ambientata sullo sfondo del conflitto civile.

Middle East Now è la rassegna internazionale di film e documentari che racconta la cultura e la società dei paesi del Medio Oriente contemporaneo. Sei giorni di proiezioni che propongono le opere più recenti di registi giovani – ma già riconosciuti e premiati a livello internazionale – provenienti da Iran, Iraq, Israele, Palestina, Qatar, Kurdistan, Afghanistan, Emirati Arabi, Libano, Giordania e Arabia Saudita. Il programma è stato pensato per dare visibilità a film che normalmente non trovano una distribuzione nel nostro circuito cinematografico, e mira a portare in Italia gli autori dei film durante la rassegna, permettendo al pubblico di incontrarli e discutere con loro.

Info: www.middleastnow.it

TS