Home > Webzine > La prima del film ''Libera me'' per la ''Giornata internazionale contro la violenza sulle donne''
mercoledì 20 novembre 2019

La prima del film ''Libera me'' per la ''Giornata internazionale contro la violenza sulle donne''

25-11-2015
Dopo aver calcato molti red carpet, "Libera me" di Piero De Luce e Massimiliano Aiello, arriva a Firenze per la "Giornata internazionale contro la violenza sulle donne". Una serata speciale ad ingresso libero, quella in programma dalle ore 20.45 mercoledì 25 novembre 2015, organizzata dall'associazione culturale Decima Musa al Teatro di Rifredi, per riflettere insieme su un problema che ormai purtroppo caratterizza la nostra società e sensibilizzare tutte le fasce della popolazione, soprattutto i più giovani. La prima del film è stata annunciata, lunedì 23 novembre a Palazzo Vecchio, la presidente della commissione cultura e Sport del Comune, Maria Federica Giuliani, e dalla presidente dell'associazione Silvia del Secco.
"E' bene che per la Giornata internazionale della violenza sulle donne, si facciano molte iniziative- ha dichiarato Maria Federica Giuliani- Il dato allarmante è che oggi il femminicidio, nelle nuove generazioni, non viene vissuto come un problema, ma come qualcosa che deve essere risolto in casa, nella coppia. Con l'avvento dei mezzi di comunicazione di massa, la comunicazione con i giovani è sempre più difficile. Per questo ritengo che le immagini siano importanti. Niente meglio delle immagini riesce a trasmettere quello che cerchiamo di trasmettere". "Le immagini-ha continuato Silvia del Secco- sono state il primo mezzo di comunicazione per questo abbiamo deciso di portare questo film nella serata a tema solidarietà. Il tema specifico della serata sarà: diffondere la cultura, ovvero arrivare alla base, al momento i cui si fonda la mentalità contorta, ovvero l'adolescenza. ecco perchè vogliamo parlare ai giovani ed affrontare anche il 'problema delle bambine spose' che ancora è presente in certi luoghi del mondo".
"Libera me" è un film indipendente, nato dalla penna di Sara Iles che ha deciso di raccontare, attraverso il medium cinematografico, una delle maggiori criticità della società moderna: la violenza sulle donne. Un problema complesso che attanaglia ormai tutte le pagine della cronaca nera del nostro Paese, una vera e propria emergenza sociale che i due rigisti hanno deciso di combattere puntando i riflettori su i 'non detti', le cose meno note che molto spesso la mente umana cerca di rimuovere. Alla ricerca di questi momenti bui, lo spettatore rincorre la macchina da presa per addentrarsi nell'inconscio dei due protagonisti, Sabrina e Alessandro, due giovani che abitano e vivono nella provincia di Palermo. E' tra le suggestioni di Bagheria e Santa Flavia, si consuma la loro travagliata passione che li porta a iniziare una convivenza; ma qualcosa rompe la felicità dei primi mesi: le ossessioni di Alessandro che finiscono per svuotare la donna e farle perdere completamente il contatto con la realtà. A fare da scenografia il mare che da rifugio romantico, si agita fino a diventare un minaccioso nemico che chiude ogni possibile via di fuga; e così le identità costruite, come onde in tempesta s'infrangono sugli scogli, distruggendosi per sempre. Un film reale e duro allo stesso tempo che si pone a metà strada tra thriller e dramma per scuotere le anime di chi lo guarda e conquistare tutti.

Per maggiori informazioni: www.teatrodirifredi.it - www.decimamusa.it

di Martina Viviani