Home > Webzine > ''La Galleria degli arazzi, Epifanie di tessuti preziosi'' in mostra agli Uffizi
giovedì 21 novembre 2019

''La Galleria degli arazzi, Epifanie di tessuti preziosi'' in mostra agli Uffizi

20-03-2012
Dal 20 marzo al 3 giugno 2012 la Galleria degli Uffizi inaugura la stagione espositiva del Polo Museale Fiorentino Firenze 2012 con la mostra dedicata agli arazzi, "La Galleria degli arazzi, Epifanie di tessuti preziosi". Tra le collezioni della Galleria, quella degli arazzi che per decenni sono stati esposti nei corridoi – oltre che nel Corrridoio Vasariano, in alcune sale, nei vestiboli e in Tribuna, dove tutt’ora rimangono tre soprapporte - è pressoché ignota ai più, essendo stata rimossa nel 1987. Sono diciassette gli arazzi scelti fra le collezioni del museo. Sei sono di manifattura fiamminga del Cinquecento, desunti dalla serie delle Storie di Giacobbe, delle Feste alla Corte dei Valois e delle Battaglie di Annibale e altri nove di manifattura fiorentina del Cinquecento e del Seicento scelti tra quelli devozionali del ciclo del Salviati, dalle serie delle Storie fiorentine, delle Cacce, delle Storie di Fetonte e della Passione di Cristo, oltre a due Portiere con stemmi medicei. Degli arazzi di produzione fiorentina esposti in mostra annoveriamo l'Ecce Homo su disegno del Salviati, tessuto per Cosimo I e la sua corte nei primi anni di attività della manifattura; due panni dei trentasei dalla Serie delle Cacce progettata da Giorgio Vasari, su richiesta dello stesso Cosimo, per l’arredamento di venti stanze della Villa di Poggio a Caiano; due di soggetto mitologico con scene dalla storia di Fetonte; tre dalla serie della Passione di Cristo, progettata, su disegno di Alessandro Allori, per Ferdinando I nel 1587 dopo i suoi anni romani di carriera cardinalizia: l’Ultima Cena, Cristo nell’orto dei Getsemani, Cristo davanti a Erode, l’unico su disegno e cartone di Ludovico Cigoli ed esposto per prima volta a Firenze dopo il restauro. La mostra è completata da una parte didattica, nella quale sono spiegate, corredate da materiale esplicativo, le tecniche di tessitura degli arazzi ed illustrati i restauri realizzati negli anni più recenti, oltre all’impegnativo lavoro di manutenzione cui è annualmente sottoposta la collezione nel  Deposito della Galleria. Due schermi multimediali a contatto consentiranno, oltre una visione generale e in dettaglio degli arazzi, anche la consultazione della documentazione di restauro di alcuni degli arazzi in mostra, così che il pubblico possa prender coscienza anche della complessità d’ogni intervento e della maestria della scuola di restauro fiorentina, una delle migliori al mondo. La mostra è stata promossa dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali con la Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Toscana, la Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico, Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze, la Galleria degli Uffizì, Firenze Musei e l’Ente Cassa di Risparmio di Firenze.