Home > Webzine > Riapertura della campagna abbonamenti del Teatro Lumière
lunedì 09 dicembre 2019

Riapertura della campagna abbonamenti del Teatro Lumière

17-09-2012
Riapre la campagna abbonamenti del Teatro Lumière per la stagione 2012-13 "Un amore di Stagione". Fino al 15 settembre sarà data priorità alle prenotazioni on-line, che potranno essere effettuate all'indirizzo e-mail: prenotazioni@teatrolumiere.it.
Da lunedì 17 settembre sarà aperta la vendita generalizzata presso la biglietteria del teatro, nei seguenti giorni e orari: Tutti i lunedì, mercoledì e venerdì dalle 17 alle 19.
Con "Un amore di stagione", ovvero il cartellone 2012/2013 il Teatro Lumière raggiunge il suo terzo anno di programmazione, sempre sotto la direzione artistica di Marco Predieri, ricercando così la conferma del successo tributato dal pubblico nei primi due anni di attività.  Il mix di dodici titoli in carnet (11 in abbonamento e uno fuori) porta a Firenze grandi produzioni nazionali, prime del territorio e artisti di riconosciuto talento. A salire in scena per prima, il prossimo 26 ottobre (repliche fino al 28) sarà l'eclettica Michela Andreozzi, che ha già aperto la precedente stagione con un travolgente successo e torna col suo nuovo irresistibile “one girl show” dal titolo “Ti vuoi mettere con me? Ovvero l’amore al tempo delle mele". A seguire Riccardo Marasco e il suo omaggio a Odardo Spadaro (8-11 novembre). Dal teatro 7 di Roma di Michele La Ginestra arriva la brillante commedia di Adriano Bennicelli “Insieme a te non ci sto più”, diretta da La Ginestra e interpretata da un giovane pool di strepitosi attori: Siddhartha Prestinari, Alessandro Tirocchi, Matteo Vacca, Barbara Russo e Morgana Giovannetti (30 novembre - 1 dicembre). A metà dicembre è il padrone di casa, Marco Predieri, a riportare in scena “Twist” un intreccio comico al fulmicotone in cui lo accompagnano Eleonora Cappelletti, Fiorella Sciarretta, Chiara Ciofini e Marcello Sbigoli. Dopo la pausa natalizia il programma riprende dal talento raffinato di Silvia Frasson, con  “La signorina Margherita”, monologo/commedia con protagonista una maestra elementare scritto dal genio di Roberto Athaide. La regia è di Alessandro Riccio. Dal 25 al 27 gennaio l’approdo per la prima volta nel capoluogo toscano, di una delle compagnie del teatro brillante contemporaneo più acclamate in Italia, la ditta di Diego Ruiz, Francesca Nunzi, Fiona Bettanini e Walter Nanni, nell’esilarante commedia in rosa “Ti amo… o qualcosa del genere”, rodatisimo spettacolo che replica ininterrottamente dal 2007. La regia è di Antonio Giuliani. A ruota una delle punte di diamante del cartellone, ovvero lo spettacolo record d’incassi nella precedente stagione di prosa della Capitale: “C’eravamo troppo amati”, successo parigino scritto da Pierre Palmade e Muriel Robin, qui interpretato da una coppia di assi, Michele La Ginestra e Michela Andreozzi. Dopo di loro sarà l'inedita coppia formata da Marco Zannoni e Marcellina Ruocco a battezzare una curiosa prima nazionale, nella quale vedremo impegnate anche Camilla Lippi e Maria Rita Scibetta, oltre a Marco Predieri (anche regista). Si tratta della novità assoluta della scrittrice fiorentina Stefania Mancini, “Tutta colpa dei Piccioni”. Presenza fortemente attesa è Anna Meacci con il suo ormai cavallo di battaglia “Caldane”, 1 e 2 marzo. Ancora una prima nazionale vedrà impegnati Alessandro Riccio, interprete, autore e regista, e Gaia Nanni, nel brillante “La Meccanica dell’amore”, dove un arzillo giovanotto non più di primo pelo  per inseguire il sogno d’amore pensa di affidarsi ai progressi della robotica. Veri e propri fiori all’occhiello sono i due spettacoli che chiuderanno la stagione: dal 22 al 24 marzo il bellissimo “Mumble mumble – confessioni di un orfano d’arte”, con Emanuele Salce e Paolo Giommarelli, quindi “Sugo Finto”, ultimo titolo, il 12 e 13 aprile, con Paola Tiziana Cruciani e Alessandra Costanzo dirette da Ennio Coltorti. In scena saranno due sorelle, offese da una natura non benigna e zitelle, che trascorrono la loro esistenza tra la casa e la bottega di mercerie. Le signorine si stuzzicano, vivono l’una per l’altra, ma l’una è succube dell’altra. La situazione si invertirà però in modo imprevedibile, per poi volgere a un’ancor più imprevedibile finale.
Tutte le informazioni su www.teatrolumiere.it

S.N.