Home > Webzine > Festival delle vie romee: riscoperta degli antichi percorsi che portano a Firenze
mercoledì 21 ottobre 2020

Festival delle vie romee: riscoperta degli antichi percorsi che portano a Firenze

08-09-2012
Sabato 8 settembre inizia a Monteriggioni il "Festival delle vie romee". Il progetto, promosso dall'Ente Cassa di Risparmio di Firenze, debutta con una visita al millenario borgo di Strove e alla torreggiante Badia di S. Salvatore a Isola. Si prosegue domenica 9 settembre, con partenza alle ore 9.00, dal valico del passo della Futa attraversando i verdi boschi e la via romana per giungere a Firenze in 3 ore. Inoltre domenica 9 settembre, alle ore 9.00, è in programma un percorso che parte da Pratolino per i boschi di Serpiolle e Cercina, per un cammino lungo l'antico tracciato della via che collegava Firenze a Bologna. Queste sono le prime tappe del programma di escursioni gratuite, che fino al 18 novembre portano alla riscoperta di itinerari della Toscana poco conosciuti.
Il percorso della rete delle vie romee è lungo 560 km e si dispone in 6 vie romee medievali che danno la possibilità di scoprire borghi e paesaggi nascosti fino ad arrivare a Roma.
Il "Festival delle vie romee" propone anche diversi appuntamenti a settembre, ottobre e novembre lungo il percorso urbano di Firenze. Tra le iniziative da segnalare i percorsi notturni fiorentini: giovedì 13 settembre alle ore 21.00 con partenza a porta san gallo per visitare chiese e spedali fino a piazza duomo; venerdì 14 settembre ore 21.00 con partenza da porta romana per scoprire i luoghi in cui hanno vissuto, anche per brevi periodi, personaggi celebri da Malaparte a Dostoevskij; sabato 15 settembre ore 21.00 sempre con partenza da porta romana per rintracciare le orme del commissario Bordelli accompagnati dallo scrittore Marco Vichi.
Alla conferenza di presentazione dell'iniziativa, venerdì 7 settembre nell'Oratorio della Compagnia dei Buonuomini, in piazza San Martino, l'Assessore al Turismo della Provincia di Firenze Giacomo Billi ha spiegato come questo modo di viaggiare non sia un turismo "mordi e fuggi" ma una attività turistica che permette di toccare con più intensità i monumenti e borghi che ricoprono le campagne toscane. Il percorso è percorribile sia a piedi sia in bicicletta, ha ricordato Alessandra Cavallini, responsabile del progetto per l’Ente CR Firenze. Per maggiori informazioni è disponibile un nuovo sistema informativo virtuale connesso al portale unico della via Francigena.
Per maggiori informazioni: www.vieromee.it

di Andrè Latini