Home > Webzine > ''Un’idea di bellezza'' al Centro di Cultura Contemporanea Strozzina
lunedì 18 novembre 2019

''Un’idea di bellezza'' al Centro di Cultura Contemporanea Strozzina

29-03-2013
Dal 29 marzo al 28 luglio sarà in mostra "Un'idea di bellezza" al Centro di Cultura Contemporanea Strozzina di Palazzo Strozzi.
L'obiettivo della mostra è di indagare il concetto di bellezza, cercare di capire se la bellezza esiste ancora oggi, che ruolo ha nella nostra società e se costituisce ancora un valore attraverso otto artisti contemporanei, Vanessa Beecroft, Chiara Camoni, Andreas Gefeller, Alicja Kwade, Jean Luc Mylayne, Isabel Rocamora, Anri Sala, Wilhelm Sasnal. Le loro opere sono utilizzate per ripensare oggi l'esperienza della bellezza da diversi punti di vista, per creare un dialogo con la sensibilità dei visitatori.
L'intento è di creare una riflessione in chiave contemporanea su uno dei temi dominanti di tutta la storia dell'arte, affrontando non solo la necessità, ma anche la funzione, il valore e le finilità della bellezza.
Si indaga questo concetto attraverso tante arti, non solo la pittura, con varie discipline, per avere una visuale diversa, avere altri sguardi e punti di vista. Affrontiamo un viaggio con queste opere per indagare il rapporto tra uomo e natura, tra opera d'arte e pubblico, per ricercare la bellezza nell'arte e nel mondo, per analizzare la relazione tra corpo e spazio.
Questa mostra propone un percorso in cui il pubblico si trova a confronto con opere che sollecitano la partecipazione fisica ed emotiva. Viene esaltato il tema della soggettività dello sguardo, provocando nel visitatore risposte individuali che possono diventare strumento per nuove connessioni con gli altri e il mondo.
L'osservatore che entra in questi luoghi e assapora questi capolavori e che cerca di indagare passo dopo passo il concetto di bellezza non fruisce di tutto questo passivamente, entra in contatto con diversi strumenti che permettono molteplici esperienze della realtà.
Le creazioni suscitano un intenso coinvolgimento facendo nascere ed esplodere emozioni nei visitatori, provocando una risposta concreta individuale e personale.
Una serie di iniziative affiancano l'esposzione per coinvolgere maggiormente il pubblico e far si che diventi una mostra interattiva. L'intento è di far partecipare il visitatore per attuare un processo di conoscenza e di ricerca che va oltre le opere esposte, non analizzare la bellezza solo dal punto di vista dell'artista ma richiedere la partecipazione di ognuno per avere un quadro più grande e personale di cosa significhi oggi questo concetto.
Per maggiori informazioni: www.strozzina.org

di Giulia Bagnoli