Home > Webzine > Nuova stagione al Teatro Dante di Campi Bisenzio: prosa, lirica, jazz, classica e danza
domenica 17 novembre 2019

Nuova stagione al Teatro Dante di Campi Bisenzio: prosa, lirica, jazz, classica e danza

09-11-2013
Ecco la nuova stagione di eventi al Teatro Dante di Campi Bisenzio: dal 9 novembre 2013 al 29 marzo 2014 in programma otto spettacoli di prosa, lirica, jazz, classica e danza, tra prime nazionali e nuove produzioni, con i grandi nomi della scena artistica internazionale, da Sandro Querci a Milena Vukotic. Il teatro, diretto dall’Accademia dei Perseveranti, sperimenta un nuovo percorso, in sinergia con alcune delle eccellenze dell’associazionismo culturale del territorio, con cui il Dante collabora da tempo, in una condivisione di qualità di visione artistica. Il nuovo slogan della stagione è "Il Dante partecipato, un genio di Teatro".
Ad aprire il programma, sabato 9 novembre, alle ore 21, sarà la prima esecuzione del ‘Barbiere di Siviglia’, celebre capolavoro rossiniano all’apice della tradizione del genere buffo. La nuova messa in scena avrà la direzione di Alan Freiles Magnatta, e la regia di Guglielmo e Nicola Visibelli; tra i protagonisti, ad interpretare Rosina sarà il mezzosoprano Elena Belfiore mentre il Conte d’Almaviva sarà il tenore Alejandro Escobar.
Secondo appuntamento, sabato 16 novembre, con un’altra prima nazionale, ‘Il cappello di paglia di Firenze’, commedia musicale a cura di PFC produzioni di Barbara Gualtieri e Sandro Querci, che anticiperà l’apertura della mostra dedicato al cappello di paglia, da novembre alla Galleria del Costume di Palazzo Pitti. Per la regia di Sandro Querci, ad interpretarlo ci sarà un cast d’eccellenza, con otto tra i migliori performer del mondo del musical.
Terzo appuntamento, venerdì 6 dicembre, con la danza contemporanea. Sarà in scena ‘Corruption’, della Oniin Dance Company, compagnia stabile di danza del Teatro delle Celebrazioni di Bologna. Ispirata al tema della corruzione, più che mai attuale, con le coreografie e la regia di Daniela Rapisarda e Alessandro Vacca, lo spettacolo nasce come denuncia del momento socio-culturale che il paese sta subendo, tra immoralità, conformismo indotto, massificazione di pensiero, repressione della difformità e promozione di canoni e stereotipi universali.
Cambio di registro, venerdì 20 dicembre, per il quarto appuntamento, con il ‘Sacred concert –Duke Ellington’, omaggio alla leggenda del jazz da parte della Sunrise Jazz Orchestra di Campi Bisenzio, del coro Animae Voces di Bagno a Ripoli e del coro Sesto in-Canto di Sesto Fiorentino. Il concerto, diretto dal M° Stefano Rapicavoli, vedrà sul palco: la Big Band, due cori e la voce solista di Maria Loscerbo.
Quinto spettacolo, il 24 gennaio, con il grande attore Franco Castellano che interpreterà  la commedia ‘Uscirò dalla tua vita in taxi’ dei drammaturgi inglesi Hall e Waterhouse; con ironia pungente, ‘stile british’, metterà in scena la paura di amare e di essere amati (per la regia di Pino Ammendola, con lui sul palco Maria Letizia Gorga, Maximilian Nisi, Ketti Roselli).
Sabato 8 febbraio sarà in scena la grande classica, con il concerto ‘Geza & the bohemian virtuosi’, ideato e diretto dal violinista Geza Hosszu-Legocky. Il musicista sarà accompagnato dal suo ensemble composto da  undici archi e un pianista: Geza  ha investito molto del suo tempo per realizzare l’ensemble, composto da giovani talenti della sua città natale, Budapest, nato con l’obiettivo di aiutare i giovani talenti dell’Europa orientale ad esprimersi, fronteggiando le difficoltà finanziarie.
Filippo Nigro e la Compagnia Gli Ipocriti (Fabrizia Sacchi, Paolo Briguglia, Dajana Roncione) saranno invece gli interpreti, il 28 febbraio, del settimo evento in cartellone, ‘Pretty – Un motivo per essere carini’ del drammaturgo statunitense Neil LaBute, feroce ed esilarante commedia sull’ossessione della bellezza nei rapporti personali, in un mondo in cui spesso le apparenze si rivelano marchio di successo (la regia dello spettacolo è di Fabrizio Arcuri).
La stagione del Teatro Dante si chiuderà sabato 29 marzo con un altro appuntamento d’eccezione: Milena Vukotic, raffinata attrice di teatro e cinema, vestirà i panni della grande stilista Coco Chanel in ‘C come Chanel’ di Valeria Moretti. Per la regia di Roberto Piana, sarà il ritratto ‘da dentro’ di un’icona inquieta e immortale, colei che ha influenzato il concetto di femminilità dagli anni Venti del secolo scorso al secondo Dopoguerra e oltre, arrivando ai nostri giorni.

Per informazioni: www.teatrodante.it