Home > Webzine > ''50 anni Centro DI'', inaugurazione con ''Miroirs'' di Daniele Lombardi
venerdì 15 novembre 2019

''50 anni Centro DI'', inaugurazione con ''Miroirs'' di Daniele Lombardi

28-02-2014
Si inaugura venerdì 28 febbraio, alle ore 18,30 la sezione allestita al Museo Marino Marini della mostra “A misura di libro. 50 anni di edizioni Centro Di 1964/2014”. Per l’occasione, alle ore 19.00, Daniele Lombardi eseguirà in prima assoluta Miroirs, concerto per pianoforte a gran coda, percussioni, due violini, flauto basso, toy piano, video (ingresso libero fino a esaurimento posti). Insieme alla sezione nella sede dello Spazio Mostre dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze (via Bufalini, 6), l’esposizione, nel suo insieme, celebra la storia del Centro Di, Centro di Documentazione Internazionale sulle arti e casa editrice, nato a Firenze grazie a Alessandra e Ferruccio Marchi che a partire dal 1964 si è imposto all’attenzione internazionale contribuendo a innovare la concezione del catalogo d’arte e del design, diventando interlocutore tra i più autorevoli della ricerca artistica nazionale ed internazionale. Un viaggio in una stagione straordinaria della nostra storia recente, che per un ventennio ha reso il capoluogo toscano, peraltro abbastanza ignaro e indifferente a tutto ciò (e non è certo l’unico caso), il crocevia di quanto più innovativo pulsasse nel cuore dell’arte internazionale. Le due esposizioni, che hanno il patrocinio del Comune di Firenze, presentano e valorizzano, attraverso un centinaio di opere, l’importante nucleo librario del Centro Di, acquisito lo scorso anno dall’Ente Cassa di Risparmio, e raccontano la vicenda della casa editrice fiorentina secondo un progetto curato da Giovanna Uzzani, accompagnato da opere, oggetti di design e video in grado di ricostruire il contesto culturale di Firenze nella seconda metà del Novecento. Il focus della sezione al Museo Marino Marini, a cura di Alberto Salvadori, è l’archivio personale dell’editore, Alessandra Marchi. Sette teche raccolgono testimonianze del rapporto diretto e continuativo che lei e Ferruccio Marchi hanno avuto con artisti visivi, musicisti, architetti, critici e con i maggiori editori europei e statunitensi dell’epoca. Ci troviamo qui al Marini sul piano più intimo e personale di questa straordinaria avventura editoriale che ha segnato intere generazioni di artisti e studiosi italiani e non solo, e che esteticamente e concettualmente ha contribuito a ridisegnare l’idea di libro e catalogo d’arte molto in anticipo rispetto alla tradizionale editoria italiana ma soprattutto internazionale. Sarà presentata un’antologia di volumi utilissima per lo studio e la conoscenza dei grandi movimenti della contemporaneità insieme a un nucleo di importanti libri d’artista, veri e propri incunaboli contemporanei, di alto valore estetico e documentale. Nella sede dell’Ente Cassa, inaugurata il 19 febbraio, l’attenzione è focalizzata sui significativi rapporti fra le edizioni Centro Di e le parallele ricerche artistiche nazionali e internazionali con l’editoria specializzata nel mondo, così come con gli sviluppi dell’arte toscana contemporanea. Tra gli artisti selezionati: Archizoom e Superstudio, Riccardo Guarneri, Paolo Masi, il collettivo di Zona non profit art space, Mario Mariotti, Luciano Ori, Daniele Lombardi, Daniela De Lorenzo, Carlo Bertocci. Un video presenta alcune testimonianze di musica sperimentale legate alle proposte del Centro Di con esibizioni o lavori video di Pietro Grossi, Giuseppe Chiari, Daniele Lombardi, Sylvano Bussotti, Giancarlo Cardini. “A misura di libro. 50 anni di edizioni Centro Di 1964/2014” evidenzia questi distinti aspetti, con l’obiettivo di esaltare sia il valore storico e documentario delle singole edizioni, sia la modernità della grafica che ha fatto scuola in Europa e oltreoceano, determinando e interpretando le più aggiornate tendenze. Durante il periodo di apertura (fino al 26 aprile), al Museo Marino Marini si svolgeranno alcuni incontri con significativi testimonial di questa esperienza come Achille Bonito Oliva, Enrico Crispolti e Maurizio Nannucci.

Per informazioni: www.museomarinomarini.it