Home > Webzine > ''Il Principe di Machiavelli'' di Stefano Massini al Teatro Cantiere Florida
giovedì 21 novembre 2019

''Il Principe di Machiavelli'' di Stefano Massini al Teatro Cantiere Florida

08-04-2014
Da martedì 8 a sabato 12 aprile la compagnia Arca Azzurra presenta "Il Principe di Machiavelli", nella versione di Stefano Massini al Teatro Cantiere Florida di Firenze (Via Pisana). La stagione di prosa 2013.2014 del teatro si chiude con un evento speciale con cinque repliche in una collaborazione davvero riuscita quella fra il vulcanico drammaturgo e regista fiorentino e gli attori Giuliana Colzi, Andrea Costagli, Dimitri Frosali, Massimo Salvianti e Lucia Socci, che con la loro bravura riconsegnano al pubblico la freschezza e l’attualità di un testo immortale.
Questa libera versione del “Principe” non si svolge fra velluti e troni, bensì fra tegami e ramaioli. Ebbene sì. Siamo in una cucina, dove un agguerrito drappello di cuochi avrà l’ingrato compito di cucinare un Principe all’Italia. Dare al disgraziato paese una guida, un governo, un faro, proprio come si augura Machiavelli nell’ultimo capitolo del suo celeberrimo libretto. Ma esiste una ricetta per creare dal nulla un governante modello? Con quali dosi di Virtù e Fortuna dovrà essere assortito? E ancora: il buon Principe è zuccheroso oppure salato? Deve bruciare il palato o scivolare in gola come una minestra? Con la metafora fertilissima dei fornelli, ci addentriamo dentro il nucleo vivo di un’opera straordinaria, autentico manuale di real-politik, vademecum per i sacerdoti del potere di ogni epoca. Ma della penna di Machiavelli non sopravvivono in scena solo le brillanti ingegnerie politiche: fra pentoloni e grembiuli si diffonde - come uno squisito odore di salsa - il sapore inconfondibile di quella lingua rinascimentale così diversa dal nostro italiano eppure così profondamente nostra, tutta da gustare mentre tratteggia con nitide pennellate i ritratti di decine di Principi passati, da Ludovico il Moro a papa Borgia, dal Duca Valentino all’imperatore Settimio Severo senza tralasciare Maometto II di Turchia. E poiché la cucina dei Principi sforna le sue pietanze da secoli, ininterrottamente, può perfino darsi che a un tratto, da quelle pentole inquiete, salti fuori un intingolo imprevisto, sulla cui ricetta pagheremo i diritti a Machiavelli, Indro Montanelli e Pasolini.  
Info: www.teatroflorida.it