Home > Webzine > ''L'enigma del fienile protestante'' in mostra a Palazzo Panciatichi
martedì 12 novembre 2019

''L'enigma del fienile protestante'' in mostra a Palazzo Panciatichi

15-04-2014
Inizia martedì 15 aprile la discussa mostra dal titolo "L'enigma del fienile protestante", in esposizione fino al 30 aprile nella Sala Barile di Palazzo Panciatichi (via Cavour, 4 - Firenze).
Discussa in quanto vi è ad oggi un aspro dibattito circa la paternità dell'opera, che vede da un lato l'attribuzione della tela a Vincent Van Gogh, dall'altro una forte critica da parte dell'ambasciatore olandese a Roma, Alphonsus Stoelinga che smentisce possa effettivamente trattarsi di un opera del famoso pittore.
Gian Luca Lazzeri, Segretario Questore del Consiglio Regionale della Toscana, ha precisato che il Consiglio non è in grado di posizionarsi dietro l'una o l'altra tesi; coglie tuttavia l'occasione per evidenziare come quest'opera viene considerata ad oggi come "progetto-pilota" nel neonato Protocollo d'intesa internazionale per la Valutazione e Certificazione della Qualità ed autenticità delle opere d'arte e del patrimonio artistico di interesse mondiale: una primo passo verso un nuovo tipo di indagine scientifica mirata alla collocazione in precisi contesti storici e ambientali, di quelle opere d'arte la cui attribuzione è ancora discussa.
Cesare Renzo Romeo, docente del Politecnico di Torino, considera la validazione di questo protocollo, d'importanza fondamentale per sviluppare una nuova metodica di valutazione di tutti i beni culturali.
A tal proposito la professoressa Mariotti, docente dell'Università di Firenze, incaricata di condurre indagini sulla tela in questione, ha ricordato come l'ateneo fiorentino è impegnato nello sviluppo di tecniche specifiche nel tentativo di attribuire la paternità dell'opera, cercando di ottenere il massimo dei risultati, campionando meno porzioni di tela possibile.
Il segretario regionale Lazzeri, ha infine invitato ad affrontare la questione dell'attribuzione di questo quadro in modo meno aspro, ricordando come la regione Toscana si ponga, come principale soggetto promotore di iniziative artistiche e culturali.

di Tiziano Nieri