Home > Webzine > Riaprono le cinque ''Salette'' alla Galleria degli Uffizi
domenica 17 novembre 2019

Riaprono le cinque ''Salette'' alla Galleria degli Uffizi

29-04-2014

Martedì 29 aprile 2014, la Galleria degli Uffizi di Firenze riapre al pubblico le cosiddette cinque “Salette” (dalla numero 19 alla numero 23) che seguono la Tribuna fino al termine del Primo Corridoio; interamente rinnovate nell’ambito dei lavori per la realizzazione dei "Nuovi Uffizi", a cura della Soprintendenza per i beni architettonici ed in collaborazione con il Polo Museale. Il nuovo allestimento propone un’ampia scelta di capolavori del XV secolo italiano, per un totale di 44 opere pittoriche suddivise in base all’area geografica-culturale di appartenenza, a partire dalla scuola senese del Quattrocento (sala 19).Si prosegue con le sale 20 e 21, dedicate alla pittura veneta, nella quale rientrano capolavori assoluti già esposti in Galleria quali l’Allegoria sacra e il Compianto su Cristo morto di Giovanni Bellini, oppure il trittico con Scene della vita di Gesù del Mantegna o ancora i due scomparti con la Madonna col Bambino e San Giovanni di Antonello da Messina. Questi capisaldi della pittura italiana del primo Rinascimento vengono ora affiancati da opere precedentemente conservate nei depositi, ma di grande importanza, come le tavole con Storie dell’infanzia di Cristo del pittore veronese Giovan Francesco Caroto e la grande raffigurazione di Cristo fra i dottori nel tempio firmata da Giovanni Mansueti. La sala 22 è invece dedicata alla pittura emiliano-romagnola del Quattrocento, mentre la 23 alla pittura lombarda.
Secondo Cristina Acidini, Soprintendente per il Polo Museale Fiorentino “Qui la pittura non fiorentina ─ da Siena in su, principalmente ─ rispecchia la raffinata cultura rinascimentale dell'Italia delle corti preunitarie, nonché lo scelto collezionismo dei Medici. Anche Antonello da Messina, rappresentato dalle due tavole entrate in Galleria nel 1997 con l'acquisizione dell'Eredità Bardini, riprende il suo ruolo di ponte fra il Sud e il Nord dell'Italia geografica”.

Per informazioni: www.polomuseale.firenze.it

EP