Home > Webzine > La rassegna ''Firenze prima di Arnolfo'' si chiude con l'illustratore Massimo Tosi
venerdì 22 novembre 2019

La rassegna ''Firenze prima di Arnolfo'' si chiude con l'illustratore Massimo Tosi

03-06-2014
Martedì 3 giugno 2014, alle ore 17,00 presso il Centro Arte e Cultura dell'Opera di Santa Maria del Fiore, si chiude il ciclo di conferenze su Firenze tra il XI e la fine del XIII secolo, dal titolo "Firenze prima di Arnolfo: Retroterra di grandezza". La rassegna, iniziata il 14 gennaio scorso, ha un degno epilogo nell'incontro curato da Massimo Tosi, illustratore ed architetto certaldese, "L'arte di ricostruire graficamente i monumenti".
"Sono partito come architetto, ed in passato ho insegnato storia dell'arte. A cinquant'anni ho deciso di cambiare, e di dedicarmi alla ricostruzione grafica: un lavoro che ha cambiato la mia vita, e che mi assorbe per giornate intere regalandomi soddisfazioni incredibili" racconta Tosi, "ciò che faccio adesso è qualcosa che si colloca a metà strada fra la pittura, l'architettura e la storia". L'illustratore, dalle cui parole si evince la profonda passione con cui affronta la tematica prosegue "mostrare contemporaneamente l'interno e l'esterno di un monumento è un problema con cui si sono confrontati anche i grandi pittori del Medioevo. [...] Il mio obiettivo è costruire immagini che siano comprensibili a tutti: ai turisti che visitano una chiesa, o ai ragazzi delle scuole, e non solo agli specialisti. E per realizzarle non uso il computer: qualche tempo fa si diceva che la grafica digitale avrebbe sostituito rapidamente il disegno a mano, ma io ho sempre creduto che il computer non potesse sostituire, per la sua freddezza, carta e penna. A quanto pare avevo ragione, visto che oggi i miei lavori sono richiesti da case editrici, enti locali, agenzie per il turismo e soprintendenze, compresa quella fiorentina". Tosi con i suoi disegni ha mostrato in passato, attraverso la maestria nel maneggio degli strumenti grafici, l'evoluzione urbanistica della città di Firenze dall'XI al XIII secolo. Non resta quindi che recarsi all'evento organizzato al Centro Arte e Cultura dell'Opera del Duomo per scoprire le incredibili cuoriosità che un personaggio artistico può offrire. Per saperne di più è disponibile on-line il sito www.operaduomo.firenze.it

L.B.