Home > Webzine > ''La finzione il nulla'' di Luigi Martellini alla Gonzaga University di Firenze
mercoledì 20 novembre 2019

''La finzione il nulla'' di Luigi Martellini alla Gonzaga University di Firenze

05-06-2014
I componimenti poetici di Luigi Martellini, ispirati alla sua biografia attraverso il filtro del viaggio in chiave nichilistica, saranno al centro dell’incontro di giovedì 5 giugno 2014 (ore 17.00) alla Gonzaga University di Firenze (via Giorgio La Pira 15, ingresso libero). Nell’occasione verrà presentata la sua ultima raccolta di poesie, ‘La finzione il nulla – Poesie 1999-2010’ (Casa editrice Rocco Carabba, 2013), contraddistinta da versi - giocati fra la memoria e l’elegia, il tormento e il lirismo - sul tema «l’esistenza-finzione»: la «illusoria eco leopardiana di un destino proteso verso il nulla nel deserto della vita». A parlarne con lui, dopo il saluto del preside della Gonzaga fiorentina J. Patrick Burke, il direttore della rivista Feeria Carmelo Mezzasalma (fondatore della Comunità di San Leolino) e Alessandro Andreini, docente di letteratura presso la Gonzaga (nonché membro della Comunità di San Leolino). Parteciperà anche Maria Giuseppina Caramella, presidente della Fondazione il Fiore e curatrice dell’incontro. Critico letterario e poeta, Luigi Martellini vive nelle Marche a Fermo, dove è nato nel 1942. Già docente dell’ateneo di Urbino, è professore di Letteratura italiana moderna e contemporanea all’Università della Tuscia (Viterbo). Ha scritto volumi e saggi su Petrarca, Monti, Leopardi, d’Annunzio, Cardarelli, Pavese, Ungaretti, Delfini, Calvino e pubblicato inediti di Malaparte, di cui ha curato anche le Opere per i “Meridiani” della Mondadori. Recenti sono un ritratto di Pasolini per Laterza e un commento alla Coscienza di Zeno di Svevo per Carocci. La sua produzione in versi, apprezzata da nomi importanti della poesia italiana del Novecento quali Giorgio Caproni e Mario Luzi, si divide in due fasi. Dopo il periodo che va dalla raccolta ‘Quasar’ (Manduria, Lacaita) del 1977 a ‘Eídola’, pubblicata da Marzorati nel 1987, ci fu infatti un lungo periodo di silenzio poetico, che è stato interrotto nel 2006 con una antologia sulla precedente produzione che, sotto il titolo di ‘Selected Poems (1964-1987)’, fu pubblicata a New York (Gradiva Publications-Stony Brook) con la traduzione inglese a fianco e una lunga introduzione di Vincenzo De Caprio. Sono seguite ‘La fiaba impossibile (Poesie 1987-1997)’ (Lanciano, Casa editrice Rocco Carabba 2008) e, nel 2013, ‘La finzione il nulla’.