Home > Webzine > Estate Fiorentina: dopo l'enorme successo del 2014 si pensa all'edizione 2015
martedì 19 novembre 2019

Estate Fiorentina: dopo l'enorme successo del 2014 si pensa all'edizione 2015

05-09-2014

Oltre 100 mila presenze, di cui 65 mila agli eventi gratuiti. 66 operatori che hanno partecipato al progetto. 45 che collaboreranno per tutto il mese di settembre. Due milioni di introiti generati.
Sono questi i numeri -ancora parziali, come ha ribadito il direttore artistico Stefano Boeri- dell'Estate Fiorentina 2014 annunciati durante la conferenza stampa tenutasi il 5 settembre a Palazzo Vecchio.
"È sicuramente un ottimo risultato, se si considerano le difficoltà incontrate quest'anno" ha sottolineato il sindaco Dario Nardella. "A partire dalle condizioni metereologiche avverse fino alle elezioni comunali che hanno portato l'amministrazione a lavorare ad un progetto così impegnativo in tempi stretti. Ma ce l'abbiamo fatta, e siamo orgogliosi dei risultati raggiunti".
Molti gli appuntamenti che animeranno le serate fiorentine per l'ultimo mese di programmazione, fino al 28 settembre: Mercati in Musica, Caparezza, Nextech Festival, la mostra SOURCE Self-made Design, Firenze Suona Contemporanea, Campus della Musica, Holi Dance Festival, Circ Fantastik, Around Midnight, La festa degli Alberi, Sound&Bike. E sono solo alcuni dei 150 in calendario.
"L'Estate Fiorentina", ha proseguito Stefano Boeri, "è un appuntamento ormai immancabile per la città, i suoi abitanti e i turisti. È il segnale che Firenze produce arte non solo attraverso le istituzioni e il ricco patrimonio del passato, ma anche attraverso l'energia diffusa del tessuto sociale e dei giovani. Con le ultime edizioni la città è diventata un punto di riferimento in Italia, aprendosi agli artisti nazionali e internazionali che richiedono espressamente di portare i loro progetti da noi".
"Non è ancora finita questa estate che già pensiamo alla prossima", ha continuato Nardella. Nell'ottica di creare fondamenta più stabili per le manifestazioni artistiche e culturali, la giunta ha già stabilito un fitto calendario di appuntamenti e scadenze in previsione del prossimo anno. Si inizia a ottobre con il consulto conclusivo dell'Estate 2014, occasione per tirare le somme e individuare le migliorie da apportare; si prosegue a novembre con la maratona nella quale si decideranno i luoghi e gli eventi da valorizzare; si conclude a gennaio con la pubblicazione del bando per il 2015. "Intendiamo fornire maggior certezza agli organizzatori dell'evento e tempi adeguati affinché si possa realizzare nel miglior modo possibile. In tal senso ci stiamo muovendo per creare un piano pluriennale".
Un altro traguardo significativo per Firenze è la vittoria del bando per l'utilizzo dei fondi Lotto -225mila euro- per l'estate prossima. "Ciò significa che parte dei fondi non utilizzati rimarranno nelle casse comunali e saranno spesi per altre iniziative di carattere culturale", ha concluso Nardella.
La grande attenzione che, all'interno dell'Estate Fiorentina, è stata dedicata alla musica è all'origine dei due incontri presentati durante la conferenza stampa: il primo, il 27 settembre, è una colazione di lavoro con artisti e musicisti affermati in cui si discuterà della musica dal vivo, dei suoi cambiamenti e del ruolo che Firenze può svolgere in tal senso; il secondo, il primo dicembre, è un workshop sulla musica con i vertici della SIAE e i big della musica italiana sull'apertura del mercato musicale ai giovani talenti e sulle modalità attraverso cui l'Italia potrà adattarsi ai trend europei.

Daniele Mu