Home > Webzine > Le opere di Manuela Masi in mostra nella sede del Gruppo Donatello di Firenze
lunedì 18 novembre 2019

Le opere di Manuela Masi in mostra nella sede del Gruppo Donatello di Firenze

27-09-2014
Nel punto in cui via degli Artisti si affaccia su piazza Donatello si trova la sede del Gruppo Donatello (via degli Artisti, 2r), un ampio spazio espositivo con un lunga storia alle spalle nel campo delle arti figurative.
Nel dopoguerra piazza Donatello, che deve il proprio nome al grande scultore rinascimentale, era frequentata da numerosi artisti che approfittavano della bella stagione e del fresco riparo offerto loro dagli alberi. Quattro artisti, nel lontano 1948, decisero così di realizzare un mostra all'interno della piazza: tale idea costituì il presupposto per la costituzione, datata 1949, del Gruppo Donatello. Gruppo che, formato da vari artisti fiorentini, proseguì l'iniziativa denominandola Mostra d'Arte in piazza Donatello, al termine della quale uno dei componenti realizzava una medaglia con il profilo di una personalità di rilievo appartenente al mondo dell'arte o della cultura. Una tradizione che continua ancora oggi. Così come il G.D. che non ha mai smesso di essere un punto di riferimento per artisti contemporanei e svolge un'attività espositiva intensa: i circa 50 soci espongono le loro opere di pittura, grafica e scultura alternandosi con alcuni "ospiti".

Proprio nella sede di Gruppo Donatello, da sabato 27 fino a giovedì 9 ottobre 2014, esporrà Manuela Masi. L'artista, diplomata all'Accademia delle belle Arti di Firenze ed insegnante di Discipline grafiche e pittoriche al Liceo Artistico di Porta Romana, vive e lavora a Firenze. Dal 1974 ad oggi ha allestito varie mostre personali, partecipando a collettive ed altri eventi artistici con strutture di legno, vetroresina, ferro oppure con assemblaggi di vari materiali provenienti dalla terra (come sabbia e corteccia d'albero) ed altri prodotti dall'uomo (ad esempio materiale in plastica). Attraverso un andamento di linee e superfici di spessore e tonalità diverse, le sue opere costituiscono una sorta di percorso di mutamento, nel quale i vari spazi restituiscono i segni che la natura ed il paesaggio urbano dei nostri tempi offrono allo sguardo dell'artista.

Orario di apertura della mostra: nei giorni feriali, dalle ore 17 alle 19,30.
Per ulteriori informazioni sull'evento è disponibile il numero telefonico 055 579207.

LB