Home > Webzine > ''Gli occhi dentro'', il libro come mezzo di riflessione su una società estetizzante
martedì 19 novembre 2019

''Gli occhi dentro'', il libro come mezzo di riflessione su una società estetizzante

19-09-2014

Il libro come occasione di riflessione su noi stessi, sulla società in cui viviamo e sul rapporto con il diverso: questa la filosofia di "Gli occhi dentro" di Domenico Guarino, presentato a Firenze il 18 settembre.
Protagonista del libro è un gruppo di ragazzi ciechi o ipovedenti che, tramite interviste e riflessioni, parlano della loro condizione e dei disagi che sono costretti a vivere in una società in cui "tutto è estetizzazione". "L'idea", ha spiegato Guarino, scrittore e speaker, "è nata quando mi è stato chiesto di tenere un corso di audio-documentari a dei ragazzi ciechi. In quel momento è nata l'esigenza di reinventare il metodo d'insegnamento e interagire con un pubblico diverso. Quegli incontri mi hanno aperto gli occhi e mi hanno portato a interrogarmi sul concetto di bellezza: cosa intendiamo per bellezza? È qualcosa di estetico o di interiore? Come vivono questo concetto i non vedenti?".
Il libro ruota quindi intorno al disagio, con la consapevolezza che è la società a produrlo tramite la stigmatizzazione del "diversamente abile", e alla necessità di superare quei criteri di omologazione che ci siamo autoimposti e che dominano la nostra vita: "proprio questi ragazzi, con le loro storie, ci insegnano che l'omologazione è solo una convenzione che può e deve essere distrutta".
All'incontro sono intervenuti anche Carlo Sorrentino e Laura Leonardi, professori dell'Università di Firenze, che hanno sottolineato l'importanza che per la ricerca e la formazione ha il "vedere diversamente" e la valorizzazione delle diversità.
La scrittura del libro è stata affiancata dalla realizzazione di un documentario filmato da Jens Mirannati, che ha voluto rappresentare visivamente "un'esperienza tattile" per calare lo spettatore nella dimensione del non vedente.
"Gli occhi dentro" è quindi un libro destinato a cambiare il modo di vedere la realtà del lettore, che insegna -come dicono i ragazzi- ad essere felici con quello che si è e si ha, e a non essere tristi per ciò che si vorrebbe essere o avere.

DM