Home > Webzine > ''Omaggio al Maestro Piero Tosi'' alla Galleria del Costume di Palazzo Pitti
sabato 16 novembre 2019

''Omaggio al Maestro Piero Tosi'' alla Galleria del Costume di Palazzo Pitti

01-10-2014

Dal 1 ottobre all’11 gennaio 2015 la Galleria del Costume di Palazzo Pitti ospiterà la mostra dal titolo “Omaggio al Maestro Piero Tosi. L’arte dei costumi di scena dalla Donazione Tirelli”. Oltre 100 giorni a disposizione dei visitatori di Palazzo Pitti per ammirare dal vivo alcuni meravigliosi capolavori ideati da colui chi, con la sua arte riuscì a “vestire i sogni”, rivisitando l’Ottocento alla ricerca del tempo perduto.
“Un modo per rendere omaggio- afferma il Soprintendente per il Polo Museale Fiorentino, Cristina Acidini- all’Oscar onorario alla carriera conseguito quest’anno dal celebre costumista fiorentino. Una bella dimostrazione di come, anche attingendo ai materiali interni, si può rinnovare l’affezione di un museo”.
Piero Tosi, celebre costumista teatrale e cinematografico, nato a Sesto Fiorentino il 10 aprile 1927, grazie alla preparazione accademica ed a un  gusto raffinato, è stato di fatto un innovatore, ripensando l’abito non più come un'aggiunta al personaggio ma come una sua componente.  La sua attività nel mondo del cinema è legata alle regie di Luchino Visconti, Mario Monicell, Franco Zeffirellii, Pier Paolo Pasolini, Vittorio De Sica, Federico Fellini, Liliana Cavani.
La mostra è composta da circa quindici costumi di scena tra i quali vale la pena ricordare quello che il Maestro fece indossare a Maria Callas in “Medea”, quello di Romy Schneider in “Sissi” e quello di Laura Antonelli nella pellicola dal titolo “L’innocente”. Sarà possibile visitare l’allestimentonel seguente orario: dalle 8.15 alle 18.30, nel mese d’ottobre, e dalle 8.15 alle 16.30 da novembre a gennaio.

Domenica 12 ottobre inoltre, in occasione della “Giornata Nazionale delle Famiglie al Museo”, alle 10.00 ed alle 11.30 saranno previste visite didattiche gratuite.

Per maggiori informazioni: www.polomuseale.firenze.it

di Martina Viviani