Home > Webzine > La mostra “Le donne del digiuno, contro la Mafia” agli Uffizi
giovedì 14 novembre 2019

La mostra “Le donne del digiuno, contro la Mafia” agli Uffizi

14-10-2014

L'Aula di San Pier Scheraggio, appendice del complesso della Galleria degli Uffizi di Firenze, ospiterà dal 14 ottobre al 9 novembre 2014, la mostra "Le donne del digiuno, contro la Mafia".
“L’importanza di questa iniziativa è ricordare il coraggio civile dimostrato da queste donne- ha affermato in conferenza stampa Leoluca Orlando, sindaco di Palermo- nella città di Palermo, un mosaico fatto di tessere diverse che per anni si è basato su una cornice criminale”. “Si tratta della raccolta di una storia- ha continuato Franca Imbergamo, Magistrato della Procura Nazionale Antimafia- di stragi, un esempio di resistenza civile, per non dimenticare che esistono persone che sono realmente andate contro corrente”.
Francesco Francaviglia, giovane fotografo palermitano, è andato a cercare queste “donne del digiuno”, le ha immortalate per raccontare la loro silenziosa rivolta. La mostra raccoglie ben 21 ritratti, volti che bucano lo schermo su uno sfondo nero. Le inquadrature sono strette, le sfocature forti, in modo da mettere in risalto gli occhi di quelle eroine che, nell’estate del 1992, dopo la strage di Capaci in cui persero la vita Paolo Borsellino ed i cinque agenti della sua scorta, diedero vita a un digiuno nella piazza principale della città. Le foto ritraggono le donne dopo 22 anni dal gesto; da giovani ad adulte animate comunque dalla stessa voglia di combattere di allora, un vivo desiderio che trapela proprio dai loro occhi.
Ottimo spunto di riflessione sui ruoli e sulle responsabilità di oggi, la mostra è stata prodotta dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Palermo e realizzata con il sostegno di Unicoop Firenze e Opera Laboratori Fiorentini- Civita Group.
Il catalogo, che raccoglie non solo le foto ma anche alcune testimonianze delle protagoniste è edito da Postcart.

Per maggiori informazioni: www.polomuseale.firenze.it

di Martina Viviani