Home > Webzine > Il 2015 sarà ''Un anno ad Arte'' per Firenze
domenica 25 ottobre 2020

Il 2015 sarà ''Un anno ad Arte'' per Firenze

05-11-2014
"Firenze 2015. Un anno ad arte" è il progetto che si presenta al pubblico con un calendario di mostre che
andranno ad interessare i musei statali fiorentini per tutto il 2015; una rassegna finanziata dall'Ente Cassa di Risparmio e Firenze Musei. “Il punto che accomuna tutti questi eventi- ha affermato Cristina Acidini, la Soprintendente per il Patrimonio Storico, Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze- è l’essere autoprodotte, ovvero originate dalla profonda conoscenza delle opere già in possesso dei musei”. Il calendario della decima edizione
risulta essere particolarmente originale vista la concomitanza di due eventi: la celebrazione dei 150 anni di Firenze
capitale e l'EXPO di Milano, un evento internazionale che potrebbe aumentare il flusso turistico anche nella nostra
città. Sono stati dunque messi in cartellone percorsi diversi per genesi, argomento e metodo ma profondamente
originali ed attraenti, dedicate ad artisti poco noti.
Alla Galleria degli Uffizi il 10 febbraio sarà inaugurata una mostra dedicata al genio di Gerrit van Honthorst, meglio
conosciuto come Gherardo delle Notti, dal titolo "Gherardo delle Notti. Quadri bizzarrissimi e cene allegre".
L'obiettivo sarà quello di far conoscere al grande pubblico le tele dell'autore fiammingo. Per l'occasione le opere già
in possesso della galleria saranno arricchite da prestiti provenienti da altre realtà internazionali come la National
Gallery di Londra ed il Rijksmuseum di Amsterdam. Dal 23 giugno ad animare le sale del museo sarà invece la
rassegna “Piero di Cosimo, Pittore fiorentino eccentrico fra Rinascimento e Maniera”, dedicata come esemplifica il titolo all’artista che si fece strada alla corte di Lorenzo il Magnifico. La ricostruzione della sua figura ruoterà attorno a pale e tondi di destinazione domestica, spesso legate a temi profani, ed ai suoi disegni.
Il Museo Nazionale del Bargello ospiterà dal 30 marzo, la rassegna “Medioevo in viaggio”, nata in collaborazione
con i musei appartenenti al Réseau des Musées d’Art Médiéval, ente nato nel 2011. Da questa sinergia è sorto un
progetto espositivo che valorizzasse le reciproche raccolte. Il tema principale è il viaggio nel Medioevo,
consuetudine che viene rievocata non solo attraverso rappresentazioni iconografiche ma anche oggetti che i
pellegrini ed i mercanti erano soliti portare con loro.
La Galleria dell’Accademia metterà in campo due mostre. La prima, intitolata “L’arte di Francesco Capolavori d’arte e terre d’Asia dal XIII al XV secolo” è una mostra nata in collaborazione con l’Ordine dei Frati Minori, si propone di documentare la produzione artistica di diretta matrice francescana e l’attività di evangelizzazione dei frati, sia con quadri che con autografi. Dal 14 dicembre invece sarà allestita nei medesimi locali la mostra dedicata a "Carlo
Portelli"
, un eccentrico e poco conosciuto pittore fiorentino del Cinquecento. Una serie di tele che rivelano i suoi
scorci, spesso affollati di persone ed il suo amore per la religione.
Nella Galleria Palatina dal 30 giugno si terrà la mostra “Carlo Dolci” che intende celebrare il genio del
pittore fiorentino con oltre settanta dipinti autografati ed una selezione di disegni anche grazie a prestigiosi prestiti
provenienti dal British Museum di Londra e dal Cabinet des Dessins del Louvre di Parigi.
La Galleria dell’arte moderna dal 19 novembre ospiterà “Firenze Capitale 1865-2015. I doni e le collezioni del Re”, omaggio al 150esimo anniversario di Firenze capitale. Le sale, per l’occasione, saranno arredate con le opere ed i
mobili che il re Vittorio Emanuele II, dopo il suo arrivo lasciò nel palazzo. Al Museo degli Argenti andrà in scena dal 9 giugno “Lapislazzuli. Magia del blu”, una mostra dedicata alla roccia importata dall’Asia che venne e viene utilizzata non solo per creare oggetti preziosi ma anche per dare origine al pigmento blu, detto Oltremare.
Da aggiungere a questo folto gruppo di eventi dobbiamo annoverare anche “una linea di prodotti che- come ha
affermato Cristina Acidini- sono stati elaborati in stretta sinergia con l’EXPO di Milano 2015, dedicati al tema
nutrire il pianeta, grazie alle opere in possesso dei musei”. Nelle Ville Medicee sarà allestita la mostra virtuale “ Dai
paesaggi rurali alle mense”, fruibile sempre attraverso le postazioni touch-screen del Museo di San Marco “Mense
sacre nei cenacoli fiorentini”, “Dolci trionfi. Sculture di zucchero sulle tavole della Corte Medicea”, “Signori a
tavola”, “Il sole in casa”, “Nelle antiche cucine italiane”, ed in fine i “Frutti della terra”. Ecco le proposte che i musei
statali hanno pensato per rendere appetibile la città di Firenze anche per i palati dei turisti, soprattutto quelli
internazionali.
Per maggiori informazioni: www.unannoadarte.it

Martina Viviani