Home > Webzine > ''Combo Guitar Night'': dieci grandi chitarristi in concerto
giovedì 14 novembre 2019

''Combo Guitar Night'': dieci grandi chitarristi in concerto

19-11-2014
Giovedi 20 novembre torna la serata dedicata ai grandi artisti della chitarra con dieci grandi musicisti che si esibiranno in un concerto gratuito, dalle ore 21.30, al Centro Giovani Combo Social Club, in via Mannelli. Si alterneranno sul palco: Derrin Nauendorf, Finaz, Stefano Barone, Luca Stricagnoli, Pietro Guarracino, Marco Poggiolesi, Khaled Hamud, Joy De Vito, Anna Mancini, Giovanni Palombo.
Derrin Nauendorf è un virtuoso Singer-songwriter acustico con un incredibile stile chitarristico, capace di creare contemporaneamente suoni di batteria, linee di basso e bellissime melodie. Partito dall’ Australia per l’Inghilterra molti anni ha suonato in tutta europa collaborando con grandi nomi come, Van Morrison, John Butler e Deep Purple .Nei suoi ultimi spettacoli si presenta piu in veste di songwieter sempre però alternando songs e ballades alla sua incredibile chitarra acustica. Durante l’ultimo decennio, Derrin Nauendorf ha cementato la sua reputazione come uno dei cantanti, chitarristi e compositori di primo ordine. Ad oggi, uno degli artisti acustici più richiesti al mondo.
Finaz è il chitarrista e co-fondatore di Bandabardò, oltre che aver collaborato negli anni con Battiato, Carmen Consoli, Piero Pelù, Modena city ramblers, David Sylvian, Caparezza, Dolcenera, Daniele Silvestri ecc...A novembre scorso ha pubblicato "Guitar Solo" il primo album solista di sola chitarra con cui ha girato in tutta Italia suonando nei migliori festival coma Pistoia blues, Acoustic Franciacorta, Sarzana Acoustic meeting ecc. Totalizzando ad adesso più di 80 date, record notevole per un concerto dedicato alla chitarra acustica.
Vieri Sturlini ha iniziato a suonare la chitarra a dodici anni, approfondendo lo studio dell’improvvisazione e armonia jazz sotto la guida del chitarrista Mino Cavallo. Ha poi intrapreso un percorso classico insieme al maestro Duccio Bianchi e ha proseguito come autodidatta per alcuni anni, esplorando il folk irlandese e il bluegrass, fino poi ad intraprendere un percorso di studi seguendo i corsi di formazione musicale Siena Jazz con Giulio Stracciati, Alessio Riccio, Alessandro Giachero. Attualmente studia chitarra Jazz al Conservatorio Luigi Cherubini di Firenze sotto la guida del chitarrista Umberto Fiorentino.
Pietro Guarracino ha iniziato lo studio della chitarra a dodici anni, diplomandosi alla scuola di musica Lizard di Fiesole prima in chitarra rock/fusion con la votazione di 30 e lode più menzione speciale, poi in chitarra acustica fingerstyle, sempre con la votazione di 30 e lode e sempre con menzione speciale. Negli anni ha preso parte a diversi seminari di formazione con chitarristi della portata di Greg Howe e Paul Gilbert. Si è diplomato in Chitarra Jazz con la votazione di 110 e Lode presso il conservatorio Martini di Bologna, seguito dal chitarrista Tomaso Lama.
Marco Poggiolesi inizia a studiare chitarra classica all'età di quattordici anni. Nel 2002 si avvicina al jazz grazie all'incontro con il maestro Gianni Zei, con il quale apprende varie tecniche e stili improvvisativi che spaziano dal jazz tradizionale, al be-bop, al cool jazz e alla bossa-nova. Nel 2004 frequenta i corsi invernali di Musica jazz dell'Associazione "Siena Jazz", con Roberto Nannetti; qui ha l'opportunità di partecipare a numerosi seminari, tra cui quello con il musicista Enrico Rava. Nel 2006 la passione per la musica flamenco lo ha portato ad approfondire le conoscenze degli stili tradizionali sotto la guida del maestro Juan Lorenzo presso "Accademia de la Guitarra Flamenca" dove ha la possibilità di studiare con il chitarrista Oscar Herrero. Dal 2008 al 2009 ha studiato chitarra jazz con Sandro Gibellini.
Khaled Hamud, comincia gli studi della chitarra classica a 12 anni. Prosegue gli studi, dopo alcuni anni da autodidatta, con i chitarristi Lamberto Salucco e Luciano Zella. Successivamente, nel 1998, si iscrive all' Accademia musicale fiorentina.Canta fin da ragazzino ma è con la conoscenza della cantante lirica Maria Costanza Nocentini che impara come usare nel modo giusto le proprie corde vocali. Ideatore e fondatore dei KAJALZONE, fin da giovanissimo mostra il suo interesse per tutta la "black music" specialmente per il funk del grande James Brown e per la poliedricità di Stevie Wonder.Dall' estate del 2010 Khaled ha cominciato a collaborare anche con alcuni dj del panorama house/electro italiano tra cui Fabio de La Torre, comparendo nel suo ultimo album "RUNAWAY".
Joy De Vito nasce a Cortale, in provincia di Catanzaro, il 25 aprile 1981. Inzia lo studio della chitarra intorno ai 15 anni sotto la guida di Luca Tolone; si iscrive quasi immediatamente al conservatorio di musica di Vibo Valentia dove si diploma in chitarra classica nel 2004. Matura esperienze nel rock, nel blues, nel pop nella musica popolare tradizionale ma col tempo tende a concentrare le proprie energie quasi esclusivamente nel jazz.Le collaborazioni internazionali lo vedono impegnato in tutta una serie di viaggi che lo portano in giro per tutta l'Europa e la Russia.
Anna Mancini, la regina italiana del tapping e del finger style, per un'esclusiva nazionale. Chitarrista acustica solista, il suo percorso artistico inizia ufficialmente, sotto lo pseudonimo di Nan Bulan, con la realizzazione dell'album"All For Love" che non viene mai edito per scelta personale ma distribuito in diversi paesi del mondo, dopo esser stato presentato al Circolo Degli Artisti di Roma, nel novembre del 2010. Da allora la sua attività live è proseguita con numerose tappe tra club e festival nazionali e internazionali.
Giovanni Palombo, solista di chitarra e leader di diversi progetti musicali, è apprezzato per le sue composizioni, che coniugano in modo originale jazz e world music, ribadendo la vocazione tutta italiana verso la melodia e la cantabilità.Si forma nel celebre Folk Studio di Roma, leader di “Albacustica” (quartetto acustico) e “Uno Duo” (duo chitarra-voce). Successivamente si dedica maggiormente a contesti solo strumentali, guidando vari gruppi, come “Zen Bel Jazz”, “Rosa dei Venti”, “Giovanni Palombo Acoustic Trio” e il più recente “Camera Ensemble”.Ha pubblicato a suo nome numerosi Cd, e incide per la etichetta discografica Acoustic Music Records (Germania).