Home > Webzine > ''I Giovedì di Casa Martelli'': al primo appuntamento si parla di araldica e di Donatello
martedì 12 novembre 2019

''I Giovedì di Casa Martelli'': al primo appuntamento si parla di araldica e di Donatello

29-01-2015

Il primo appuntamento del 2015 con “I Giovedì di casa Martelli” è previsto per il 29 gennaio, alle ore 17.00, nel Museo di via Zannetti, 8 a Firenze. Il titolo dell’incontro, che vedrà protagonista Alessandro Savorelli, già ricercatore presso la Scuola Normale di Pisa, è “Lo stemma più bello del mondo: il grifone di casa Martelli. Arte e araldica da Donatello ai Della Robbia”.
Firenze è stata definita la città più “araldizzata” d’Europa, perché è impossibile, per chi vi si aggiri, non imbattersi in migliaia di stemmi: scolpiti, dipinti, affrescati, marcano le superfici dei palazzi, ne invadono le chiese, si mescolano alle immagini d’arte o ne sono parte integrante. Il codice araldico è, oltre che un sistema di identificazione personale e collettivo, anche un catalizzatore di idee, messaggi culturali, religiosi e politici, di modi di pensare, di sensibilità artistiche: da pochi decenni gli storici e gli storici dell’arte affrontano l’araldica senza più considerarla solo un mezzo per datare un’opera, un apparato decorativo esteriore o addirittura una curiosità esoterica, ma come un fenomeno sociale dalle molteplici implicazioni.
L’impressionante grifone dello stemma dei Martelli, attribuito a Donatello e il cui originale è conservato al Bargello mentre nel Museo di casa Martelli è visibile una copia, è l’esempio più straordinario dell’evoluzione stilistica che le figure araldiche subirono a Firenze negli anni centrali del Quattrocento. Come una meteora, unica in Europa, i grandi maestri del primo Rinascimento riscrissero quel codice figurativo, altrove consunto, nei modi affascinanti del “naturalismo” umanista.
La loro lezione fu ripresa dall’Ammannati a metà Cinquecento, per essere poi dimenticata alle soglie del Barocco.
L’ingresso all’incontro è libero, fino a esaurimento dei posti disponibili.

Per ulteriori informazioni: www.polomuseale.firenze.it

DDD