Home > Webzine > ''Riscoprire il Novecento italiano. L’opera di Dino Terra'' a Palazzo Strozzi
domenica 25 ottobre 2020

''Riscoprire il Novecento italiano. L’opera di Dino Terra'' a Palazzo Strozzi

11-02-2015

Mercoledì 11 febbraio 2015, alle ore 17.30, presso la Sala Ferri di Palazzo Strozzi a Firenze si terrà l'incontro "Riscoprire il Novecento italiano. L’opera di Dino Terra". In programma un saluto di Gloria Manghetti (Direttore del Gabinetto Vieusseux) e di Mario Battaglia (Vicepresidente della Fondazione Dino Terra). Parteciperanno all'evento: Daniela Marcheschi, Luisa Marinho Antunes, Salvatore Silvano Nigro.
Dino Terra entra in contatto col futurismo di Marinetti e con le avanguardie frequentando il “Teatro degli Indipendenti” di Bragaglia, ma si lega in modo particolare a Vinicio Paladini e a Umberto Barbaro, dei quali si fa mecenate con la costituzione del Movimento Immaginista (1927). Quest´ultimo risulta ispirato, tra l´altro, da alcuni intellettuali dell´emigrazione russa, presenti a Roma nei primi anni venti. Terra conosce in modo particolare l´anarchico russo Bielinski, l´ungherese Miklos Sisa ed Elena Ferrari, anch´essa d´origine russa. Il movimento immaginista, finanziato da Dino Terra, pubblica il giornale la Ruota Dentata e, soprattutto, le omonime edizioni. Terra vi pubblica le sue prime opere: L´amico dell´angelo (1927), con in copertina un fotomontaggio di Vinicio Paladini, e Riflessi (1927), che l´autore rielaborerà radicalmente sul finire degli anni settanta, dando luogo all´ultima sua pubblicazione in vita, Un uomo e l´inferno. Romanzesco viaggio nel proibito (1981).
Info: www.vieusseux.it - www.fondazionedinoterra.org