Home > Webzine > ''A Piedi Nudi'', omaggio musicale a Rosa Balistrieri alla Libreria Todo Modo di Firenze
lunedì 11 novembre 2019

''A Piedi Nudi'', omaggio musicale a Rosa Balistrieri alla Libreria Todo Modo di Firenze

13-02-2015

“A Piedi Nudi” è un omaggio alla più grande interprete di musica popolare siciliana, la quale indossò il suo primo paio di scarpe a quindici anni, e a cui Firenze diede i natali artistici: Rosa Balistreri. È un sentiero musicale percorso “senza scarpe”, tracciato su terreni sonori nutriti dall’incontro di una voce, un clavicembalo e delle percussioni domestiche (ditali da cucito, setacci, pentole), nato per raccontare la storia umana e musicale di una donna straordinaria nell’anniversario dei 25 anni dalla sua morte.

Venerdì 13 febbraio 2015, dalle 19:15 presso la Libreria Todo Modo (via dei Fossi 15r - Firenze), il primo incontro di presentazione del progetto con il Duo Ammatte composto da Alessia Arena (voce) e Federica Bianchi (clavicembalo e percussioni domestiche).

“A Piedi Nudi” è performance musicale, canzone d'autore, musica antica, racconto autobiografico; capita così che la musica barocca ritrovi le sue radici popolari e che la canzone d'autore si rivesta di antico e nell'antico si rinnovi.
"A Piedi Nudi" è anche prima esecuzione per voce, clavicembalo e percussioni domestiche dei canti popolari siciliani antichi, contenuti nell’antologia del 1907 del musicista ed etnologo Alberto Favara e riportati alla luce da Rosa Balistreri.
Nel 2015, successivamente a questo incontro, nasceranno numerose iniziative tra cui concerti, lezioni-dibattiti e una giornata di studi presso il Conservatorio Cherubini di Firenze (19 settembre) per celebrare l'anniversario dei 25 anni dalla morte di Rosa Balistreri.
Il progetto culturale "A Piedi Nudi" è ideato da Alessia Arena e si avvale della collaborazione di: British Institute of Florence, Conservatorio L. Cherubini di Firenze, Comune di San Casciano Val di Pesa, Comune di Bagno a Ripoli, Libreria Todo Modo (Firenze). La Giornata di Studi vede il patrocinio della Regione Toscana e del Comune di Firenze.