Home > Webzine > Quattro nuove mostre a Palazzo Coppini e all’Auditorium Al Duomo di Firenze
venerdì 15 novembre 2019

Quattro nuove mostre a Palazzo Coppini e all’Auditorium Al Duomo di Firenze

14-03-2015

Sabato 14 e domenica 15 marzo sono in programma a Firenze quattro mostre ad ingresso libero in occasione della XVII Tavola Rotonda della Fondazione Romualdo Del Bianco. La due giorni, alla quale interverranno 67 esperti da 23 Paesi, intende dare un contributo al dialogo fra culture e allo sviluppo del viaggio come strumento di Pace fra i popoli. Viaggiano lungo questo filo conduttore anche le mostre che saranno inaugurate durante la mattinata di sabato, a Palazzo Coppini (via del Giglio 10), sede della fondazione e che saranno visibili anche domenica.

Si parte con “Sikkim - A Peace within” (inaugurazione 14 marzo, ore 10.15, sala Tsuji), una mostra audio visiva documentaria che porterà a Firenze un assaggio della pace e dell’armonia del piccolo Stato indiano. Realizzata da Roshnila Gurung (Governo di Sikkim, India – Esperta della Fondazione Romualdo Del Bianco), l’esposizione si muove nell’ambito della cooperazione bilaterale per l’applicazione del Modello Life Beyond Tourism nello stato indiano di Sikkim. Sarà visibile un documentario realizzato sotto gli auspici del Governo di Sikkim (Dipartimento di Informazioni e Pubbliche Relazioni) per il workshop studentesco internazionale “Value Education for Culture, Peace and Human Development: from India to the world” (coordinato dalla dottoressa Alesia Koush, Life Beyond Tourism, e dalla professoressa Tatsiana Yakauchyts, Belarusian State Economic University) nel quadro di Florence Youth & Heritage Festival, promosso a novembre dalla Fondazione Romualdo Del Bianco come un evento parallelo ufficiale per i giovani dell'Assemblea Generale ICOMOS 2014.

Patrimonio e diversità della Bosnia ed Erzegovina – Patrimonio multiculturale in pericolo” (inaugurazione 14 marzo, ore 10.30, sale Zador, Rovenko, Beglaryan, Shkaev), organizzata dalla Commissione per la Conservazione dei Monumenti Nazionali di Sarajevo (Bosnia ed Erzegovina) è dedicata al patrimonio multiculturale della Bosnia ed Erzegovina nel quale differenti culture, legate a religioni diverse, convivono armoniosamente e che ancora oggi si trova in pericolo. Se in passato, sul finire del XX secolo, questo patrimonio è stato oggetto di una campagna distruttiva sistematica, oggi lo Stato balcanico non è in grado di provvedere alla tutela di un numero elevato di beni culturali che documentano l'esistenza di una società multietnica basata su principi di tolleranza e dialogo. Un patrimonio che rappresenta un tesoro inestimabile a livello europeo e mondiale: la sua protezione, insieme all'adeguamento alle condizioni sociali contemporanee, è compito dell'intera comunità internazionale. La mostra getta le basi anche per una cooperazione tra la Commissione per la tutela dei monumenti nazionali della Bosnia ed Herzegovina e la Fondazione Romualdo Del Bianco e il suo Istituto Internazionale Life Beyond Tourism, allo scopo di mettere a punto progetti comuni dedicati alla protezione e alla valorizzazione del patrimonio della Bosnia ed Erzegovina, elevare la qualità del turismo culturale e promuovere i valori provenienti da questo tipo di patrimonio: tolleranza, dialogo multiculturale ed inter religioso.

In programma anche un’anteprima della nuova edizione della mostra “Dalla Cupola del Brunelleschi alle Cupole nel Mondo” a cura di Roberto Corazzi (ore 10.45, sala Fanta), ospitata con grande successo di pubblico lo scorso anno a Palazzo Coppini e che si prepara a una nuova edizione all’estero.  Un affascinante viaggio alla scoperta dei segreti della Cupola di Santa Maria del Fiore, a confronto con altre cupole fiorentine e di tutto il mondo.

Location diversa, nel foyer dell’Auditorium al Duomo e al Caffè Astra al Duomo (via de' Cerretani 54/r), per la personale di Bruno Lucatello “La mia Venezia”. Alla Fondazione Romualdo Del Bianco, da anni promotrice del viaggio e dell’ospitalità all’insegna del dialogo interculturale, l’artista donerà l’opera “Abbraccio Etnico”, in piena sintonia con la vocazione della Fondazione e con l’orientamento Life Beyond Tourism. La mostra raccoglierà opere dell’artista trevigiano, appassionato di arte fin da bambino. Nonostante l’attività lavorativa familiare lo abbia portato ad occuparsi di altro, Lucatello non ha mai abbandonato questa sua passione ma anzi l’ha coltivata negli anni, frequentando importanti circoli artistici tra Asolo e Venezia: qui non solo ha appreso e perfezionato le tecniche pittoriche, ma soprattutto ha scoperto il suo amore per la città di Venezia. Una città dal fascino intramontabile e carica di romanticismo che l’artista è capace di rielaborare in personalissime espressioni trasmettendone tutte le emozioni e la poesia. La mostra sarà aperta dal 13 al 15 marzo dalle 10 alle 17 e durante eventi serali. L’inaugurazione ufficiale è in programma sabato 14 marzo (ore 13), alla presenza dell’artista.

Le quattro mostre sono ospitate dal Centro Congressi al Duomo che, nel suo Auditorium Al Duomo e a Palazzo Coppini – Centro Studi e Incontri Internazionali, accoglie periodicamente importanti eventi e iniziative culturali.

Ingresso libero.
Orario: 10-17.

Info: www.palazzocoppini.org - www.auditoriumalduomo.com