Home > Webzine > ''Sollicciano Prison Blues'', la Notte Bianca di Firenze celebra Johnny Cash
sabato 30 maggio 2020

''Sollicciano Prison Blues'', la Notte Bianca di Firenze celebra Johnny Cash

30-04-2015

Il 30 aprile la Notte Bianca si aprirà con il concerto "Sollicciano Prison Blues", così il ruolo che in passato era stato affidato alla 'lectio magistralis' di un pensatore quest'anno sarà affidato alla potenza delle chitarre. Il penitenziario di Sollicciano ospiterà il rifacimento del mitico concerto che Johnny Cash, ‘The Man in Black’, tenne nel 1968 nel carcere di Folsom: il cantante, che aveva passato in cella un periodo della sua vita, volle omaggiare i detenuti con una performance poi divenuta leggendaria. Sollicciano Prison Blues intende fare lo stesso, unire detenuti e cittadini in un momento di svago e sensibilizzare ancor di più l’opinione pubblica sulle tante questioni relative alla vita in carcere. Sollicciano come luogo attivo della città, questo il messaggio che la Notte Bianca vuol lanciare. Sul palco insieme ai detenuti che seguono corsi di musica ci sarà il cantautore Massimiliano Larocca, l’americano di Rifredi, che vanta numerosi album all’attivo e le prestigiose collaborazioni con Massimo Bubola e Hugo Race. Ad accompagnarlo ci saranno i romagnoli Sacri Cuori, anche loro fortemente orientati su sonorità roots, e come Larocca non nuovi a progetti a sfondo sociale.
Sebbene non sia consentito un libero accesso al pubblico, sarà possibile partecipare al concerto iscrivendosi mediante la segreteria organizzativa della Notte Bianca.
Per ragioni di sicurezza è necessario inviare una mail a prenotazione@nottebiancafirenze.it con i propri dati anagrafici (nome, cognome, luogo e data di nascita, residenza, nonché una copia fronte/retro del proprio documento d’identità lo stesso che dovrà essere esibito al personale del carcere, in caso di avvenuta registrazione all’evento il pomeriggio di giovedì 30 aprile).
Il documento viene richiesto dalla Direzione dell’Istituto per richiedere l’autorizzazione all’ingresso in carcere al magistrato di sorveglianza. Sulle singole persone verranno effettuati controlli volti a verificare eventuali motivi ostativi all’ingresso.
I posti sono limitati. L’avvenuta prenotazione sarà comunicata dalla segreteria della Notte Bianca dopo l’autorizzazione della direzione del carcere.
Non sarà presa in considerazione la mail di prenotazione qualora non sia corredata di tutte le specifiche sopra richieste e della formula di consenso al trattamento dei dati personale riportata di seguito.

Fonte: www.comune.fi.it (Ufficio Stampa)