Home > Webzine > Mostra collettiva ''Europe is a region of the earth'' al Multiverso
martedì 19 novembre 2019

Mostra collettiva ''Europe is a region of the earth'' al Multiverso

06-05-2015

Mercoledì 6 maggio si terrà il vernissage e opening party della mostra collettiva "Europe is a region of the earth", alle 18.30, al Multiverso (via del Campo d'Arrigo, 42/r). DAY ONE propone, fino al 16 maggio, per la Terza Edizione del Festival d’Europa una mostra collettiva in cui gli artisti si confrontano sul concetto di Europa e dell’essere cittadini europei. La tematica è affrontata nella sua accezione più ampia, utilizzando differenti forme artistiche, dalla pittura alla fotografia, dall’installazione alla performance. Quindi che cos’è l’Europa? Uno dei continenti più piccoli eppure tra i più popolati i cui confini naturali sono in gran parte costituiti dal mare, la cui storia e cultura hanno influenzato tutto il mondo. Ma è anche la leggendaria bellissima fanciulla amata da Zeus, da lui rapita e dalla quale ebbe tre figli. E’ l’impero di Carlo Magno, l’illuminismo francese, è terra di diritti e di moneta unica. Sogno migratorio per tanti, luogo di vacanze per altri. Da qualsiasi prospettiva gli artisti muoveranno le loro riflessioni, una certezza li accomuna: l’Europa è una regione della Terra.

Tra gli artisti in mostra segnaliamo il pittore e designer Javier Fernando Volovich che, diplomato alla scuola d’arte Thelma Yellin, dal 1977 ha sviluppato una personale tecnica e uno stile unico derivato dallo studio di materiali differenti. Il suo mondo magnifico e immaginario si sviluppa su grandi tele astratte dai colori brillanti. Per questa mostra ha prodotto due nuovi lavori originali: una riflessione sul concetto di viandante, dove un paio di scarpe dipinte ci portano a riflettere su quel processo migratorio che tanto interessa i confini europei. L’altro è invece una riflessione sull’Europa e sui suoi simboli, in questo caso una maglietta su una grande tela con in evidenza lo stemma del Roland Garros, uno dei più importanti tornei di tennis europei. Volovich ha esposto tra gli altri  alla Marziart di Amburgo, alla Gallery 13.5 di Giaffa, oltre che a Roma, Ramat Gan e Londra.

Saranno in mostra anche le opere di Martina Franziska Maier (pittura), Fleur Le Gros (fotografia), Victoria DeBlassie (installazione), Maruz (fotografia) e Neri Pierozzi (pittura/fotografia).

Alle 19:00 si esibirà invece la ballerina e performer Arianna Ilardi nella sua produzione THE SECOND CONSTRUCTION, su musiche di John Cage. La performance vuole indagare sul concetto di salvezza e di rovina, sulla sicurezza e sull’abbandono delle stabilità. “Forse per salvarci non si dovrebbe abbandonare ciò che sembra bello e tranquillizzante ma in realtà ci incatena?” In questo brano, non drammatico, ma realistico, il concetto di libertà è qualcosa che assomiglia alla liberazione dai falsi moralismi, dagli stereotipi e pregiudizi.

DAY ONE è un’Associazione Culturale fiorentina che dal 2010 organizza eventi artistici multi disciplinari. La sua mission è quella di coinvolgere e far collaborare artisti internazionali con le strutture espositive e ricettive del territorio, quindi realizzare iniziative innovative basate sull’integrazione tra cultura e turismo, tra arte e territorio. Specializzata nell’ideazione e produzione di format culturali, organizza annualmente il “Contemporary Visions”, festival internazionale di linguaggi contemporanei, la rassegna d’arte contemporanea africana “Giugno d’Africa” in collaborazione con la Onlus Solid Rock Association del Ghana e la rassegna d’arte contemporanea filippina “MODERN DIASPORA” in collaborazione con il gruppo artistico filippino “Kulay”.

Per maggiori informazioni: www.dayone-art.com