Home > Webzine > Supercodex: la matematica del suono di Ryoji Ikeda al Teatro della Pergola
mercoledì 13 novembre 2019

Supercodex: la matematica del suono di Ryoji Ikeda al Teatro della Pergola

13-05-2015
Mercoledì 13 maggio l'artista giapponese Ryoji Ikeda torna nello storico Teatro della Pergola di Firenze, dopo il sold out del 2010, con l’avveniristica trasposizione multimediale del suo ultimo lavoro "Supercodex", un gioiello che completa la trilogia inaugurata nel 2005 con "Dataplex" e seguita nel 2008 da "Test Pattern". L’obiettivo dichiarato dall’artista con questa trilogia è l’elaborazione di una matematica del suono, di un principio di calcolo in grado di trasformare gli algoritmi in mezzi espressivi autentici, e al tempo stesso di creare rappresentazioni visive e sonore delle informazioni in essi contenute. Ed è proprio nella dimensione live, dove le imprevedibili geometrie bianco e nero in altissima definizione si fondono con le austere e magnetiche sequenze di pattern sonori, che le sua arte videosonora si trasforma in esperienza sensibile così da rivelarsi alla percezione umana. Otto album in quasi vent’anni, un numero decisamente maggiore di installazioni e performance – su tutte quella presso Time Square di New York – uniti ad un’innegabile lungimiranza nell’interpretare il rapporto fra arte e tecnologia, fanno di Ryoji Ikeda una delle figure più rappresentative della cosiddetta abstract-techno. Considerato uno dei maggiori esponenti della computer music contemporanea, Ikeda è stato, assieme ad Alva Noto, uno dei pochi artisti sonori e visivi a divenire noto a livello internazionale. Per realizzare la propria musica, Ikeda ha spesso adoperato i suoni provenienti da apparecchiature digitali, quali stridii di connessioni fax, rumori di fonti radio, segnali prodotti da un computer o da codici Morse e altri. Sebbene le sue composizioni ricordino a volte il minimalismo sperimentale di La Monte Young e Alvin Lucier, alcune delle sue pubblicazioni più recenti risentono l'influenza del dub e della techno minimale. I suoi album Matrix (2000), Dataplex (2005) e Test pattern (2008) sono opere pionieristiche nell'ambito della musica astratta contemporanea.

Prevendite: www.boxofficetoscana.it - www.ticketone.it

Info: www.musicusconcentus.com