Home > Webzine > Musica che unisce i popoli tra le statue della Loggia dei Lanzi con 74 giovani musicisti
lunedì 11 novembre 2019

Musica che unisce i popoli tra le statue della Loggia dei Lanzi con 74 giovani musicisti

09-07-2015

Prosegue la 17° edizione del Festival delle Orchestre Giovanili con l’appuntamento del 9 luglio alle 21.15 - Loggia dei Lanzi (Piazza della Signoria). Si esibirà la Twente Youth Symphony Orchestra (Paesi Bassi, 74 elementi).  Composta da studenti tra i 12 e i 20 anni, selezionati attraverso audizioni annuali, da scuole di musica e da insegnanti privati della regione, è oggi una fondazione e collabora attivamente con le scuole locali di Hengelo e Twente. Oltre ai concerti, l’intento della TJSO è quello di offrire ai ragazzi un’esperienza unica attraverso lo scambio con altre orchestre giovanili in Europa, con tournée all’estero che diventano veri e propri viaggi educativi e culturali. L’orchestra è diretta da Carl Wittrock, che oltre ad avere una grande esperienza come direttore, è anche violinista, clarinettista e compositore.

In programma anche la “Fanfara per l’uomo comune” di Copland che oltre ad essere uno fra i lavori più popolari ed eseguiti della musica statunitense del Novecento, è anche un’espressione compiuta di ciò che la musica può dare in termini di coinvolgimento, unità, cooperazione e totale adesione della cittadinanza ad un disegno comune di resistenza e solidarietà. La “fanfara” di Copland non esprime solo un perfetto esempio di sapienza compositiva – il massimo livello di tecnica, abilità e conoscenza degli strumenti a disposizione del musicista raggiunto in soli tre minuti e quindici secondi di musica – ma anche una leva psicologica in grado di innalzare il sentimento nazionale americano al grado più alto di condivisione. Da simbolo identitario del popolo americano si trasformò in elemento coagulante di portata universale capace di avvicinare, educare e stimolare il dialogo rispettoso e dignitoso tra nazioni e continenti ma anche tra intere generazioni. Memorabili sono le versione jazz di Woody Hermann e quelle rock-progressive e rock-blues degli Emerson Lake e Palmer e dei Rolling Stones.


Programma:
A. Copland Fanfara per l’uomo comune
M. Mussorgsky Una notte sul monte Calvo
M. D’Ollone Lamento per orchestra
J. Sibelius Sinfonia n. 2 in re magg. op. 43
(Finale: Allegro moderato)
R. Wagner Suite dal Tannhäuser arr. M.J. Isaac
L.v. Beethoven Inno alla gioia
E. Sachse Concertino per trombone (parte 2)
C. Wittrock Van Oranje
O. Respighi Pini di Roma “I Pini della via Appia”
K. Yteman Sorry
J. Williams Starwars arr. R.W. Smith
direttore Carl Wittrock

Tutti i concerti del festival saranno ad ingresso libero.
Per ulteriori informazioni: info@florenceyouthfestival.com - www.florenceyouthfestival.com