Home > Webzine > Nelson Mandela Forum: un uragano di musica con il concerto di Mika
venerdì 15 novembre 2019

Nelson Mandela Forum: un uragano di musica con il concerto di Mika

30-09-2015
Ha venduto oltre 10 milioni di dischi in tutto il mondo, ha appassionato il pubblico televisivo italiano come giudice di X-Factor, e adesso MIKA torna finalmente live in Italia in concomitanza con il tanto atteso nuovo album. Mercoledì 30 settembre alle ore 21.30, un uragano di musica è pronto ad abbattersi sul palco del Nelson Mandela Forum, in Viale Malta a Firenze. Il 2009 e il 2010 sono stati anni di conferme per l'artista di origine libanese che, grazie al successo del suo secondo album "The boy who knew too much", trascinato dai singoli "We are Golden" e "Rain", non ha deluso chi da lui si aspettava una prova di grande spessore dopo il folgorante debutto "Life in Cartoon Motion" del 2007. Dopo il silenzio del 2011, Mika torna a calcare i palchi di tutto il mondo per festeggiare con i fan il suo terzo lavoro "No place in heaven". MIKA, un artista completo e un intrattenitore straordinario, in grado di trasformare un concerto in una festa collettiva grazie a un raro senso dello spettacolo, e dopo aver scaldato i motori a Milano, arriva in Città per ricordare i suoi grandi successi, da "Toy Boy", a "Popular Song", passando per "Grace Kelly". Ma nell'ultima tappa italiana, in programma a Firenze, svela anche il suo lato maturo, e cavalcando le nuove tracce, guarda ai cantautori anglosassoni degli anni Settanta, da Billy Joel a Elton John, da Freddie Mercury a Walt, uomini che hanno "vissuto controcorrente, loro sono diversi, misteriosi, come i punk". Alle sue spalle una band di alto livello, davanti a lui il pubblico, la sua vera e unica fonte di energia. "Non c'è un posto in Paradiso" per Mika ma sicuramente il suo carisma riuscirà a far ballare tutti i presenti, incantati davanti a note che rivelano la sua parte più intima, un vero e proprio coming out dell'anima. Tra le tracce più attese il singolo "Good Guys", un inno all'anticonformismo, in cui cita artisti e intellettuali come Andy Warhol, James Dean, Arthur Rimbaud, Walt Whitman, Ralph Waldo Emerson, Rufus Wainwright. Insomma tutto è pronto per un live semplice, senza maxi schermi, in cui la sola protagonista è la musica.

Per informazioni: www.mandelaforum.it 

M.V.