Home > Webzine > Don't Cry #1: spettacolo in omaggio a Oriana Fallaci al Cimitero agli Allori
venerdì 22 novembre 2019

Don't Cry #1: spettacolo in omaggio a Oriana Fallaci al Cimitero agli Allori

15-09-2015
Coraggio, passione, libertà: sono solo alcuni dei tratti distintivi di una delle giornaliste e scrittrici più apprezzate al mondo, Oriana Fallaci, che a distanza di nove anni dalla scomparsa sarà omaggiata dalla città di Firenze e dalla Regione Toscana con un evento di danza e musica in un luogo inedito e suggestivo.

Martedì 15 settembre, nel corso della giornata di commemorazione della giornalista fiorentina, prenderà infatti il via "Don't Cry", un nuovo progetto culturale di incontri e spettacoli presso il Cimitero Evangelico agli Allori (via Senese, 184) e il cui primo appuntamento sarà proprio un omaggio alla scrittrice (o "scrittore", come lei preferiva definirsi) che è sepolta qui, insieme ai suoi affetti.

Il progetto "Don't Cry" intende valorizzare la straordinarietà del Cimitero quale luogo di arte, storia e cultura, un vero "luogo di vita" come dichiarato dalla presidente del Comitato Consorziale delle Chiese Evangeliche Francesca Paoletti; il Cimitero agli Allori, infatti, non è solo un luogo di riposo, ma un vero e proprio museo a cielo aperto dove oltre alla giornalista fiorentina sono sepolti numerosi personaggi illustri della storia. Con "Don't Cry" si vuole intrecciare la storia del cimitero con la storia della città di Firenze e non poteva esserci occasione migliore per inaugurare il nuovo progetto culturale se non con un omaggio ad Oriana Fallaci.

Il titolo dell'evento rappresentato martedì 15 è "Don't Cry #1, Bach_suite": uno spettacolo di musica e danza, pensato per l'occasione dal presidente di Nuovi Eventi Musicali Mario Setti, in collaborazione con Kaos Balletto di Toscana.
Come specificato dallo steso Setti: "Don't Cry #1 parte dall'arte ed è uno spettacolo sulla vita. Vuole essere, infatti, non un percorso lacrimevole nel rimpianto di ciò che non è, bensì la speranza e la fiducia di un percorso che si rinnova ogni volta".
La serata vedrà la violoncellista Valeria Brunelli eseguire la prima "Suite per violoncello solo BWV 1007", capolavoro senza tempo composto da Johann Sebastian Bach: lo spettacolo sarà un percorso diviso in sei tappe, come i sei movimenti della sonata, dove la quinta sarà interamente dedicata alla Fallaci. Guidato dalle coreografie di Roberto Sartori, questo viaggio all'interno del Cimitero agli Allori rappresenterà le diverse tappe della vita, un vero e proprio percorso a ritroso dove partiremo da due anziani che si incontrano per ricordare, passando poi alla giovinezza, alla maturità e infine alla rinascita, con una sesta tappa che avrà come riferimento un bambino a suggellare la chiusura del ciclo delle cose.

Gli omaggi a Oriana Fallaci non terminano qui: la mattina del 15 settembre, presso la sede del Consiglio Regionale, si svolgerà una cerimonia in suo ricordo al termine della quale verrà inaugurata una nuova sala stampa a lei intitolata.
"Ogni volta che vedevo la targa della sala stampa del Consiglio Regionale intitolata a Indro Montanelli, mi chiedevo perché non ce ne fosse una per Oriana Fallaci - ha dichiarato il presidente del Consiglio Regionale Eugenio Giani - Niente in città è ancora stato intitolato a lei, grande fiorentina ed espressione di una toscanità netta che sempre ha voluto mettere alla base del suo lavoro, il cui spessore è indubbio".
Per rendere ancora più significativa la serata al Cimitero agli Allori, come annunciato dal presidente Giani, la deposizione della corona di fiori sulla tomba della Fallaci non avrà luogo di mattina, ma sarà posticipata alla sera, prima dell'evento di musica e danza.

Lo spettacolo avrà inizio alle ore 21, in replica alle 22.
Ingresso libero con prenotazione obbligatoria a info@nuovieventimusicali.it - 055 2001875.

L'iniziativa è a cura di Fondazione Pubbliche Assistenze, Comitato Consorziale delle Chiese Evangeliche e Nuovi Eventi Musicali, in collaborazione con Kaos Balletto di Toscana. L’evento è patrocinato dalla Presidenza del Consiglio.

di Alessandra Toni