Home > Webzine > Play it! 2015: il festival dell'ORT sulla musica d'arte contemporanea
martedì 12 novembre 2019

Play it! 2015: il festival dell'ORT sulla musica d'arte contemporanea

23-09-2015

La quarta edizione di Play It! 2015, il festival dell'ORT dedicato alla musica classica contemporanea italiana, si svolgerà da mercoledì 23 a sabato 26 settembre.

Per quattro giornate il Teatro Verdi di Firenze sarà animato da incontri, approfondimenti, dibattiti, premiazioni e concerti che mostreranno la ricchezza di una scena variegata, vitale e in continuo fermento. I compositori affermati, gli interpreti, i giovani talenti avranno tutti insieme la possibilità di incontrarsi, confrontarsi e proporre i propri lavori, dimostrando come la musica d’arte sia innanzitutto un territorio di libertà da cui intravedere nuove possibilità, e non soltanto sonore.

Questi i 20 protagonisti della quarta edizione: Claudio Ambrosini, Francesco Antonioni, Gilberto Bosco, Emanuele Casale, Pier Paolo Cascioli, Carmine Emanuele Cella, Azio Corghi, Francesco Filidei, Marcello Filotei, Marco Lena,  Andrea Manzoli, Giacomo Manzoni, Mauro Montalbetti, Vittorio Montalti, Luca Mosca, Lorenzo Pagliei, Alessandra Ravera, Lucia Ronchetti, Alessandro Solbiati, Daniela Terranova.

Il festival allinea 16 prime assolute, 3 prime nazionali e ben 8 commissioni esclusive ORT in cui emergeranno percorsi compositivi personali tra loro molto diversi, impreziositi dalle sensibilità interpretative di grandi musicisti come Luigi Attademo, Paolo Carlini, Francesco Dillon, Roberto Fabbriciani, Luca Mosca, Andrea Tacchi, Emanuele Torquati e dall'attore Riccardo Massai. Sul podio si alterneranno i direttori Marco Angius, Francesco Lanzillotta, Luca Pfaff e e il direttore principale dell'ORT Daniele Rustioni, alla sua prima presenza a Play It!.

Confermato il ciclo di incontri dedicati alla riflessione sulla cultura, la creatività e la produzione artistica nell’epoca contemporanea. Si tratta di quattro conversazioni mattutine (ore 10.00) con musicisti, filosofi, artisti, critici d’arte, giornalisti, professori universitari, introdotte da Giorgio Battistelli con il contributo di Gianluigi Mattietti, interamente dedicate al tema del dubbio e al suo rapporto con il fare arte nella società dell’oggi. Si alterneranno alcuni professori provenienti dal mondo accademico fiorentino, assieme a ospiti quali Quirino Principe (professore di drammaturgia musicale all'Accademia per l’Opera di Verona) e Daniele Lombardi (pianista e compositore).
Il tema verrà analizzato seguendo alcuni filoni ovvero quello della creatività, della funzione sociale, dell'economia, della politica e del rapporto tra guardare e ascoltare. Questi appuntamenti vogliono essere un momento di riflessione condivisa, di scambio costruttivo nei quali approfondire queste tematiche. L’intento è di creare sinergie e scambio fra le arti, la critica artistica, il pensiero filosofico e intellettuale.

Quest'anno Play It! assegna il premio alla carriera al compositore e direttore d’orchestra Claudio Ambrosini, fondatore del Centro Internazionale per la Ricerca Strumentale. Al termine della manifestazione verrà assegnato il premio Play It! al compositore che risulterà vincitore dalla selezione fatta dai Professori dell’ORT, senza distinzione tra musica da camera e musica sinfonica. I premi sono realizzati dal maestro orafo Paolo Penko.

Molte le novità: Play It! propone l'apertura ad importanti collaborazioni che interesseranno e coinvolgeranno:
- i Conservatori di Roma e Firenze, con due concerti pomeridiani alle ore 16.30 venerdì 25 e sabato 26;
- il Centro per l'Arte Contemporanea Luigi Pecci di Prato, presente con le opere di cinque artisti, Giuseppe Chiari, Elisabetta Gut, Franco Ionda, Daniele Lombardi, Silvia Mejìa, che hanno sperimentato o indagato tematiche musicali e sonore. Le opere saranno esposte come Musica da vedere a Play It! nel foyer del teatro dal 23 settembre al 25 ottobre 2015;
- l'Università di Firenze, con il rettore designato Luigi Dei, Il professore di sociologia Marco Bontempi, il professore di filosofia politica Dimitri D'Andrea, e il professore di estetica Gianluca Garelli, protagonisti e ospiti dei quattro incontri mattutini;
- l'Associazione Piero Farulli, con l'esecuzione in prima assoluta di String Quartet di Chia-Ying Lin, vincitrice del Concorso Internazionale di Composizione bandito dall'associazione per custodire e tramandare l’eredità morale di Piero Farulli, viola del Quartetto Italiano e Fondatore della Scuola di Musica di Fiesole. A farsi solista nel brano sarà il Quartetto Maurice di Torino diretto da Luca Pfaff (venerdì 25 settembre).

Il Festival è incluso tra i progetti regionali del “Cantiere Toscana Contemporanea” 2015, inoltre è inserito nel programma dell’Estate Fiorentina 2015 del Comune di Firenze ed è tra le manifestazioni collegate con EXPO 2015.

Ancora una volta Rai Radio 3 è media partner esclusivo di Play It! accompagnando l'iniziativa dell'ORT con interventi, trasmissioni in differita e una diretta radio durante l'intera serata del 24 settembre.

Play It! 2015
23.24.25.26 settembre I Teatro Verdi di Firenze

Biglietti
Play It! € 5.00 a singolo concerto (posto unico) in vendita presso la Biglietteria del Teatro Verdi e online su www.teatroverdionline.it

Info: www.teatroverdionline.it