Home > Webzine > Il pianista Ramin Bahrami alla Feltrinelli RED
giovedì 14 novembre 2019

Il pianista Ramin Bahrami alla Feltrinelli RED

04-11-2015
Mercoledì 4 novembre, alle 18.30, la libreria Feltrinelli Red, in Piazza della Repubblica a Firenze, ospita Ramin Bahrami. Il pianista di origine iraniana arriva in Città per presentare "Offerta Musicale (Decca)". L'artista prosegue l'incisione delle musiche per tastiera di Bach con un capolavoro assoluto del genio tedesco. Bach si trovava a Potsdam ospite di Federico II re di Prussia, musicista dilettante, una sera il re gli chiese di eseguire una fuga a tre voci su un tema da lui stesso composto. Alla successiva richiesta di improvvisare una fuga a sei voci, Bach non fu in grado di accontentare immediatamente il re a causa della complessità degli intervalli utilizzati per formare la scala musicale del tema, promise però che avrebbe "prima messo per iscritto il tema in una regolare fuga e che poi lo avrebbe dato alle stampe". Tornato a Lipsia Bach rielaborò il tema dato nel quale introdusse ogni difficoltà possibile per questa forma musicale. Concluse l'opera e la dedicò al re di Prussia col nome di "Offerta Musicale".
Ramin Bahrami è considerato uno tra i più interessanti interpreti bachiani viventi, dopo l'esecuzione dei Concerti di J.S. Bach a Lipsia nel 2009 con la Gewandhausorchester diretta da R. Chailly, la critica tedesca lo considererà: "un mago del suono, un poeta della tastiera; artista straordinario che ha il coraggio di affrontare Bach su una via veramente personale" (Leipzig Volkszeitung). Bahrami si è esibito in importanti festival pianistici. Si è esibito nelle più prestigiose sedi italiane e mondiali.Incide esclusivamente per Decca-Universal. La sua discografia comprende le Variazioni Goldberg, le 7 Partite, l'Arte della Fuga, la raccolta "Ramin Bahrami plays Bach", le Suite Francesi.
“Ramin Bahrami scompone la musica di Bach e la ricompone in modi che risentono di un modello, Glenn Gould, senza veramente assomigliare al modello. Io gli ho insegnato a sopportare il morso, ma non l’ho domato; e spero che continui ad essere com’è” Piero Rattalino.
A deliziare il pubblico, accanto alle corde del piano di Ramin Bahrami interviene anche Gregorio Moppi, della Scuola di Musica di Fiesole.

Per informazioni: www.lafeltrinelli.it  

M.V.