Home > Webzine > Omaggio allo scrittore Eduardo Galeano all'Università di Firenze
martedì 19 novembre 2019

Omaggio allo scrittore Eduardo Galeano all'Università di Firenze

18-12-2015
Venerdì 18 dicembre alle ore 17.00 presso l'Aula Magna ex Architettura dell'Università di Firenze (piazza Brunelleschi 3/4), si terrà un incontro per omaggiare lo scrittore uruguayano Eduardo Galeano, paladino dei diritti umani in America Latina.

L'iniziativa è a cura della Fondazione Il Fiore e del Centro Studi Jorge Eielson, in collaborazione con la Biblioteca Umanistica dell'Università di Firenze e si svolge nell'ambito delle celebrazioni per la "Giornata mondiale dei diritti umani".
Idealista, dallo stile unico e particolare, Galeano mescolava narrativa, saggistica e giornalismo. Prima imprigionato dalla dittatura militare uruguayana, poi messo all'indice dal regime di Videla in Argentina e costretto a fuggire in Spagna, lo scrittore, morto nell’aprile di quest’anno, è stato uno strenuo difensore in America Latina dei diritti umani e sociali, ai quali non mancava di aggiungere il diritto di sognare. Sua l'affermazione: "La paura ci governa. È uno degli strumenti di cui si servono i potenti, l’altro è l’ignoranza". I libri di Galeano sono diffusi in tutto il mondo e sono stati tradotti in oltre venti lingue.

All’incontro interverranno, dopo il saluto del direttore della Biblioteca Umanistica Floriana Tagliabue, la docente di Letterature ispano-americane dell’Università di Firenze Martha Canfield e Antonella Ciabatti, rispettivamente presidente e vice presidente del Centro Studi Jorge Eielson, che si occupa di letteratura e arte italo-latinoamericana, e Pio Villanacci, responsabile relazioni esterne dell’associazione Mani–Altri sguardi, impegnata nella didattica interculturale: nell'occasione parleranno dell’opera di Galeano e leggeranno alcuni brani dei suoi testi. A coordinare i lavori sarà Maria Giuseppina Caramella, presidente della Fondazione il Fiore, che si dedica principalmente alla promozione della poesia e della letteratura.

Ingresso libero.
Per maggiori informazioni: Fondazione Il Fiore - tel 055 225074 

AT