Home > Webzine > Il romanzo giallo e la storia del Novecento
martedì 31 marzo 2020

Il romanzo giallo e la storia del Novecento

05-02-2006

Si è aperto giovedi 2 febbraio alla Biblioteca Comunale Centrale di Via Sant'Egidio Il miniciclo ideato da Franco Cardini "Il giallo, il nero, il vero". La rassegna è dedicata al giallo storico italiano novecentesco e si propone di individuare attraverso interventi di giallisti, giornalisti e storici eventuali punti di contatto tra uno stile avvincente come quello della produzione noir e lo scrupoloso studio di documenti d'archivio, tipico dell'indagine storica. "Il romanzo giallo in Italia per molto tempo é stato considerato un genere di serie B, destinato a lettori poco colti e relegato a delle riviste. In seguito la separazione tra romanzi thriller e la restante opera narrativa è andata man mano esaurendosi prima con la pubblicazione dei libri di Scerbanenco, poi con il best seller "Il nome della rosa" di Umberto Eco ha introdotto Roberto Pirani, uno dei maggiori specialisti in materia. Per quanto riguarda più propriamente il "giallo storico" la particolarità di molti autori italiani è stata quella di ambientare le loro opere non nelle metropoli americane o nei cottage inglesi (luoghi a prima vista più adatti allo svolgimento di determinate situazioni) ma in territorio italiano, in città ben definite e in particolari contesti storici come ad esempio il ventennio fascista o gli anni Settanta. "La storia è piena di buchi, di spazi vuoti sui quali lo storico ma anche la fantasia di uno scrittore può intervenire senza forzare troppo sui pieni, sulla verità conosciuta" ha spiegato Cardini. Il ciclo proseguirà anche per i tre giovedi seguenti alle ore 16,30: il 9 febbraio si discuterà  insieme a Leonardo Gori e Divier Nelli sull'età del jazz, la "musica degenerata" secondo i nazisti; il 16 con Daniele Cambiaso, Franco Cardini e Giampaolo Simi sul periodo della guerra e del dopoguerra mentre il 23 sul periodo della "guerra fredda" con la partecipazione di Cecilia Scerbanenco, Marco Vichi, Rossella Martina e Magdalen Nabb.

di Andrea Palanti