Home > Webzine > “La fabbrica della memoria” a Quarrata
sabato 14 dicembre 2019

“La fabbrica della memoria” a Quarrata

02-10-2006

La magia della Magia. A Quarrata il gioco di parole è d’obbligo per la mostra “La fabbrica della memoria”. Inaugurata lo scorso 30 settembre, e sempre visibile ad ingresso gratuito fino al 10 aprile, l’esposizione degli artisti e coniugi Anne e Patrick Poirier è la seconda in ordine di tempo da quando è stata riaperta al pubblico la storica villa medicea de La Magìa. La prima mostra è stata quella di Fabrizio Corneli, “Micat in vertice”, a giugno che ha aperto nuovamente il parco-museo del 1300 “La Magia”. “La fabbrica della memoria” propone tre opere. La prima è quella che dà il titolo all’intera esposizione, “La fabbrica della memoria” appunto, ed al volume edito da “Gli ori”. E’ immersa a forma di ellisse nel laghetto. Lettere giganti formano la scritta, ripetuta due volte, “Anima Mundi”, “la geometralizzazione del cervello”, la chiama Anne. Al suo fianco, sulla riva, una scultura in pietra serena. Si entra abbassandosi da una piccola porta a forma di triangolo che ricorda l’iconografia dell’occhio di Dio. Al centro della piccola sala interna, senza tetto stile Abbazia di San Galgano, un tavolo ellittico, quasi una carta del cielo dal sapore di esoterico, con scolpiti i sentimenti della psiche umana: “Una vera e propria planimetria – continua ancora l’artista francese in un ottimo italiano – della mente, con numeri, frecce, parole, che, avverto, non hanno niente di scientifico”. E’ un piccolo luogo di raccoglimento, di contemplazione, di solitudine. I Poirier hanno perso recentemente un figlio ed hanno racchiuso il loro dolore nel libro “Lamento” edito da Baldini e Castoldi. I loro temi cari sono la fragilità, i fiori, la vanità. All’esterno, nella limonaia, un gigantesco “bruciaprofumo” in cotto dell’Impruneta, “i ricordi che sfumano, l’anima che brucia”. All’interno numerosi tessuti pesanti di feltro che ovattano ed attutiscono i rumori, il silenzio, che nascondono fotografie visionarie. Il sindaco, la signora Sabrina Sergio Gori, legge il telegramma di congratulazioni arrivato dalla segreteria della Presidenza della Repubblica: “La Villa medicea de La Magia è per noi quarratini un luogo simbolo, qui il cittadino vi si riconosce: è il nostro percorso della memoria”.

Info: 0573.771408, ingresso libero

di Tommaso Chimenti