Home > Webzine > Contemporanea 07 a Prato
martedì 19 novembre 2019

Contemporanea 07 a Prato

04-06-2007
Prosegue a Prato il festival Contemporanea07 a Prato con una prima regionale, nuove performance, videoistallazioni e le repliche di undici nuovi brevi lavori di giovani gruppi italiani del teatro di ricerca.Il 4 e il 5 giugno alle ore 21.30, all’interno della sezione Scena Contemporanea andrà in scena al Teatro Metastasio in prima regionale “Cuocere il Mondo”, l’ultima creazione di Raffaella Giordano. Lo spettacolo affronta una riflessione sulla morte e il tradimento, ispirata al dipinto dell’Ultima cena di Leonardo da Vinci. Fino al 7 giugno la sezione Fuori Formato ospiterà al Teatro Magnolfi,a partire dalle ore 19.30 gli Short Format, ovvero forme di spettacolo pensate per accogliere uno spettatore alla volta, come “Private Eye”, un lavoro sulla costruzione di un’identità fittizia messo in scena dalla principale compagnia di ricerca australiana, l’IRAA Theatre di Cuocolo/Bosetti, “xxl.eps extended peep-show”, un peep show, appunto, costruito sul concetto di extra large e con protagoniste tre donne cannone. Avrà inizio il 4 giugno e proseguirà fino al 7 giugno la parte dedicata alle arti visive, ospitata negli spazi della Galleria Enrico Fornello, con il progetto che presenterà, in 4 diverse serate, i 5 artisti internazionali Rosie Cooper, Nicola Gobbetto, George Henry Longly, Ane Lan e Anat Ben-David, investigando con ciò il concetto di performativo/performatività, e le videoistallazioni con il cinema da camera di Zapruderfilmmakersgroup che con tre diversi video del progetto “Daimon” utilizzerà un tipo di proiezione in grado di rendere la sensazione tattica del rilievo (a partire dalle ore 18.30, ingresso libero prenotazione obbligatoria). Fino a lunedì 4 giugno (ingresso gratuito, posti limitati) gli spazi di Officina Giovani Cantiere Ex Macelli continuano ad accogliere i lavori di Alveare Off, una sezione all’interno della quale vengono presentati i lavori creati ad hoc da 11 compagnie di recente formazione che rappresentano lo sviluppo artistico e produttivo di una nuova generazione del panorama teatrale italiano: Habillé D’eau, Le-Gami, Ambra Senatore, Alessandra Fazzino, Snejanka Mihaylova, Cosmesi, Menoventi, Teatro Sotterraneo, Bianca Papafava, Antonio Tagliarini E Roberto Corradino. Le brevi performance (ciascuna di 15 minuti circa) sono suddivise in tre gruppi, ovvero in tre linee di percorsi performativi, con turni giornalmente alternati alle 19.30, alle 20.30 e alle 21.30, cui il pubblico può assistere anche singolarmente. Durante tutto il festival, aperto a pranzo e a cena, fino a tarda notte in Piazza Santa Maria delle Carceri sarà attivo lo spazio incontro e ristoro.