Home > Webzine > ''Orbis Pictus'': si aprono le porte della creatività
mercoledì 20 novembre 2019

''Orbis Pictus'': si aprono le porte della creatività

06-11-2007
Prosegue la mostra “Orbis Pictus - Le porte dell’immaginazione e della creatività”, aperta al pubblico fino al 9 dicembre nella splendida cornice della Limonaia di Villa Strozzi. La mostra riunisce alcuni artisti della Repubblica Ceca ed è stata concepita da Petr Nikl, artista, uomo di teatro e musicista, che per l'occasione ha dato vita ad un'esposizione audio-visiva di strumenti e paesaggi sonori. Il progetto cerca di reinterpretare uno dei pensieri fondamentali di Comenius, figura di spicco della cultura europea del Seicento, ossia la “volontà di rendere l’essere umano più libero e più creativo”. Il tema centrale su cui si concentra il percorso audio-visivo è il fenomeno del gioco e la possibilità di conoscere creativamente il mondo e se stessi attraverso i propri sensi. "Orbis Pictus" si propone quindi di offrire un modo per scoprire il proprio patrimonio creativo individuale e di potenziare la fantasia, la creatività e il senso di responsabilità per la propria vita, stabilendo un canale che mette in comunicazione nazionalità, strati sociali e religioni diverse. Al centro dell’esposizione si trova il “labirinto del mondo e il paradiso del cuore”, un congegno ludico inserito in una configurazione a forma di cuore, ispirato ad un' opera di Comenius. Per l'occasione fanno parte dell'evento anche le seguenti iniziative: l'edizione italiana illustrata de "Il labirinto del mondo e il paradiso del cuore“ di Comenius Press; la mostra delle illustrazioni a concorso per l‘edizione sopra citata, con una sezione dedicata ai lavori degli studenti dell‘Istituto d‘Arte di Firenze; il concerto concerto-spettacolo per chitarra e voce basato sui testi di Comenius "Vivat Comenius" e, per finire, la mostra “Cammino verso la scuola...” con i più bei sillabari cechi e stranieri dal ‘500 ad oggi. Gli orari per la visita sono da martedì a domenica dalle ore 10 alle 16.

di Alessia Vidili