Home > Webzine > A Prato ''Tre Sorelle'' per la regia di Massimo Castri
giovedì 21 novembre 2019

A Prato ''Tre Sorelle'' per la regia di Massimo Castri

30-01-2008
Un testo corale che presenta in quattro atti altrettante tranche de vie, quattro istantanee di vissuto quotidiano, segmenti di un’esistenza qualunque, in cui si esemplifica la rappresentazione di un’umanità che oscilla tra passato e futuro come tra due età dell’oro che non esistono - una comunità inconsapevole in marcia verso il niente. E' "Tre Sorelle", capolavoro di Anton Cechov che il regista Massimo Castri porta in scena da mercoledì 30 gennaio a domenica 3 febbraio al teatro Metastasio di Prato. Sul palco tra gli interpreti Mauro Malinverno, Claudia Coli, Bruna Rossi Laura Pasetti, Alice Torriani, Paolo Calabresi, Sergio Romano, Roberto Salemi, Milutin Dapcevic, Renato Scarpa, Roberto Baldassari, Angelo Di Genio, Miro Landoni, Barbara Valmorin. La scelta del testo, spiega il regista Massimo Castri, risponde "ad una mia propensione per un ambito di testi teatrali di confine, testi, cioè, che si pongono e nascono dentro la crisi o il cambiamento di un mondo e cercano forme nuove per raccontare questo cambiamento. 'Tre sorelle' è il testo più bello e più duro di Cechov; un testo che parla di noi a distanza di un secolo in maniera sorprendente, e ci racconta in tutta la nostra incapacità di vivere il presente e di costruire il futuro".