Home > Webzine > ''Bandierai degli Uffizi''
domenica 17 novembre 2019

''Bandierai degli Uffizi''

27-08-2008
Trentacinque anni di storia di Firenze e del Calcio Storico, attraverso i "Bandierai degli Uffizi": 150 fotografie, video, vecchi costumi, documenti, tamburi e bandiere che da sabato prossimo saranno in mostra prima nella Sala d'Arme di Palazzo Vecchio e, dall'11 settembre, al Palagio di Parte Guelfa. La mostra vuole ripercorrere trentacinque anni di storia dei Bandierai degli Uffizi, gli sbandieratori ufficiali di Firenze e del Calcio Storico Fiorentino, ogni momento della vita del gruppo, illustrando le sue radici e le tradizioni, le 16 Magistrature che rappresentano. La mostra fa parte dei festeggiamenti che il Comune di Firenze e l'assessorato alle feste e tradizioni fiorentine hanno organizzato in occasione di questa ricorrenza, per la quale, a maggio, è stato anche disputato il "Trofeo Marzocco". I Bandierai degli Uffizi fanno parte del Corteo Storico della Repubblica Fiorentina e del Calcio Storico Fiorentino, il gioco tradizionale di Firenze. Sono depositari dell'antica "Arte fiorentina del maneggio della bandiera". In origine, ogni bandiera riportava l'insegna di una delle 16 principali Magistrature; dal 2002 i vessilli sono stati modificati, dividendoli in due tipologie ognuna raffigurante otto delle sedici Magistrature originali col Giglio Guelfo di Firenze al centro. Conosciuti in tutto il mondo si sono esibiti durante le celebrazioni del Columbus Day negli Stati Uniti, all'apertura dei Campionati Mondiali di calcio in Spagna, Messico (nel 1986 nello stadio Atzeca davanti a 120.000 spettatori), Italia e Francia, hanno partecipato ad importanti eventi culturali in Giappone e Brasile. La mostra "Bandierai degli Uffizi: trentacinque anni di storia. Bandiere e Tamburi a Firenze" sarà inaugurata sabato 30 agosto alle 17,30 in Sala d'Arme di Palazzo Vecchio e lì sarà visitabile tutti i giorni, gratuitamente, fino al 10 settembre dalle 10,00 alle 18,00. Dall'11 al 30 settembre la mostra sarà allestita al Palagio di Parte Guelfa e sarà visitabile con le stesse modalità.