Home > Webzine > Tutti i colori del calcio
domenica 25 ottobre 2020

Tutti i colori del calcio

30-12-2008
Perché la maglia dellaJuventus è bianconera, quella del Chelsea azzurra, quella del Real Madrid bianca, quella del Barcellona blu-granata, quella del Milan rossonera e quella della Fiorentina viola? Per rispondere a queste e ad altre curiosità sarà presentato mercoledì 7 gennaio alle 17,30 al Museo del Tessuto a Prato (via S. Chiara, 24) il libro 'Tutti i colori del calcio. Storia e araldica di una magnifica ossessione', di Sergio Salvi e Alessandro Savorelli, edito da Le Lettere. 'Tutti i colori del calcio' spiega che l'origine dei rituali del calcio sta nelle forme del gioco collettivo medievale, dal torneo cavalleresco ai giochi popolari "di piazza", dai quali deriva la sua caratteristica di "spettacolo a colori". Nella Firenze del Rinascimento le partite di calcio si giocavano con divise complete di calze e pennacchi, fatte di materiali costosi, come taffetà e raso, e colorate «oro e turchino», «incarnato e bianco», «giallo e rosso». A Prato, nel 1717, si giocò una partita durante il carnevale: le due squadre indossavano divise l'una rossa e l'altra gialla, ossia i due colori dello stemma cittadino. Attraverso queste pratiche ludiche, la sopravveste del cavaliere schierato in battaglia divenne nell'Ottocento la "maglia" del giocatore di calcio e in generale nell'abbigliamento sportivo, che oggi fa moda e tendenza. Il volume, attraverso una storia del calcio come gioco e istituzione, che è insieme una storia sociologica dei club più famosi, tr! accia una mappa dei "colori del calcio", analizzando i colori sociali, le maglie e i simboli di centinaia di squadre europee, italiane e sudamericane e rintracciandone la diversa origine e significato. La sede propria dei colori sociali di un club di calcio è la casacca: in origine di lana, poi confezionata in tessuti sintetici, più funzionali e dalle tinte lucide e accattivanti. La casacca è divenuta un elemento identitario così decisivo nel calcio, che i luoghi comuni dell'"attaccamento alla maglia" e ai "colori sociali" sono sinonimi. La funzione identitaria della casacca e dei suoi colori genera affezione, moda, costume: milioni di persone nel mondo acquistano e indossano maglie di club famosi e le indossano quotidianamente, al punto che il calcio, per la sua diffusione planetaria è oggi un codice cromatico universalmente riconoscibile, nonostante gli adattamenti dovuti alle varianti studiate da stilisti e sponsor.