Home > Webzine > Private Flat ''Brucia Babilonia'', arte contemporanea in spazi privati
domenica 17 novembre 2019

Private Flat ''Brucia Babilonia'', arte contemporanea in spazi privati

10-10-2010
Da venerdì 8 ottobre 2010, prenderà il via a Firenze la sesta edizione di Private Flat / Arte contemporanea in spazi privati, l'evento che dal 2006 propone una nuova modalità di promozione della cultura artistica contemporanea. Il titolo di questa edizione è "Brucia Babilonia". La manifestazione, che proseguirà il 9 e 10 ottobre, mantiene il suo caratteristico format di "esposizione diffusa" in luoghi della città messi a disposizione dell'arte contemporanea direttamente dai cittadini: si tratta di appartamenti e studi professionali, allestiti come autentici luoghi espositivi. Quest'anno gli spazi di Private Flat sono 17, un dato in aumento rispetto alla scorsa edizione: nel 2009 erano 14. Questo a dimostrazione del maggior interesse da parte del pubblico e dei cittadini che offrono propri spazi e proprie risorse per la realizzazione dell'evento. I progetti curatoriali sono stati selezionati tra le oltre 60 proposte giunte in risposta al bando che l'Associazione Private Flat ha promosso circa dieci mesi fa. Gli artisti coinvolti sono oltre 70 e, come in passato, alle esposizioni di arte visiva si affiancheranno performance all'interno degli appartamenti. Ognuno dei 17 spazi ospiterà un progetto espositivo o performativo legato al tema comune di questa edizione: il linguaggio e la comunicazione. Il titolo Brucia Babilonia coniuga una riflessione comune sui temi della comunicazione interpersonale e interculturale, in una doppia dimensione sociale e privata. Babilonia, e la sua traduzione biblica Babele, è stata scelta come allegoria per i suoi rimandi simbolici a ampie problematiche ancora accese nella società contemporanea. La lingua, le differenze culturali, l'incapacità comunicativa, sono alcuni degli aspetti a cui l'immagine della capitale del mondo antico ancora rimanda. Il rogo che simbolicamente vorrebbe arderla suggerisce il quesito principale che è stato posto ai curatori partecipanti, ovvero se la molteplicità e il pluralismo di forme possano o debbano depositarsi nell'uniformità di linguaggio, pensiero, costume, volontà. Per informazioni: www.privateflat.it