Home > Webzine > ''Autoritratte'', artiste di capriccioso e destrissimo ingegno agli Uffizi
martedì 19 novembre 2019

''Autoritratte'', artiste di capriccioso e destrissimo ingegno agli Uffizi

20-01-2011
Presso la Sala delle Reali Poste della Galleria degli Uffizi, dal 17 dicembre al 30 gennaio, per la decima edizione del ciclo "I mai visti" si terrà la mostra "Autoritratte. Artiste di capriccioso e destrissimo ingegno", voluta e realizzata dagli Amici degli Uffizi. La mostra è promossa dalla Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze diretta da Cristina Acidini, organizzata da MondoMostre, resa possibile dal determinante contributo dell’Ente Cassa di risparmio di Firenze e grazie al sostegno di Knauf e Ataf. Questa edizione, a cura di Giovanna Giusti, è dedicata alla “sezione femminile” della Collezione di autoritratti della Galleria degli Uffizi. Le “Autoritratte” sono infatti una parte minima (solo il 7%), della intera Collezione (1700 opere circa), unica per originalità e ricchezza. Attraverso la selezione di una sessantina di effigi di artiste note e meno note, si compone una miscellanea di tipologie, mirando alla notorietà, alla qualità, alla moda, all’originalità e al mistero delle ignote. La mostra rende visibile da una parte la storica condizione di subalternità della donna artista – circoscritta troppo a lungo a campi riduttivi della propria espressività – e dall’altra le scelte dei collezionisti, mecenati e direttori che hanno saputo includere nella Collezione opere di singolare interesse, anche di artiste donne, fin dal Seicento, quando il cardinal Leopoldo de’ Medici ne compose il primo nucleo.