Home > Webzine > ''Emerging Talents - Talenti Emergenti'' al CCC Strozzina
venerdì 22 novembre 2019

''Emerging Talents - Talenti Emergenti'' al CCC Strozzina

23-04-2011
Fino al 1 maggio 2011 al CCCS - Centro di Cultura Contemporanea Strozzina di Firenze si terrà mostra della seconda edizione di "Emerging Talents - Talenti Emergenti" un premio e una mostra per offrire a giovani artisti italiani l’opportunità di promuovere il loro lavoro e per fornire a pubblico e critica la possibilità di monitorare il panorama artistico contemporaneo italiano. L’esposizione propone i lavori dei 16 giovani artisti selezionati da 4 tra i più affermati critici e curatori italiani. Luigi Presicce è il vincitore della seconda edizione del premio Talenti Emergenti promosso e organizzato dal CCCS - Centro di Cultura Contemporanea Strozzina - Fondazione Palazzo Strozzi di Firenze. L’artista pugliese (Porto Cesareo, LE, 1976) riceverà il finanziamento della Fondazione Palazzo Strozzi per una monografia dedicata al suo lavoro, pubblicata da Silvana editoriale. L’artista è stato premiato da una giuria internazionale composta da Achim Borchardt-Hume (Whitechapel Gallery, Londra), Barbara Gordon (Hirshhorn Museum, Smithsonian Institution, Washington D.C.) e Adam Szymczyk (direttore della Kunsthalle Basel). Luigi Presicce basa il suo lavoro sulla realizzazione di performance che uniscono teatralità e ritualità in un costante riferimento alla cultura e all'iconografia popolare e alla ricerca di una dimensione metafisica e irreale. Per Talenti Emergenti, Presicce ha presentato il video La benedizione dei pavoni, che documenta la performance, realizzata in occasione della celebrazione di S. Antonio Abate a Novoli (Lecce), in cui fonde insieme santità e magia. All'interno di una grande gabbia e alla presenza di due bambini, unici spettatori della performance, l'artista ha inscenato la sua apparizione a un gruppo di pavoni. L’artista è rimasto fermo in una posa ieratica, creando un immobile tableau vivant rotto solo dal movimento dei pavoni intorno alla sua figura. La presenza di alcuni oggetti liturgici rende la scena ricca di riferimenti e simbologie. La divisa massonica riporta l'attenzione a una dimensione esoterica, mentre alcuni elementi come la fiamma ricamata sul grembiule, la maschera cieca piramidale o la posizione della mano destra, rimandano all’azione della benedizione degli animali, nota iconografica distintiva del santo egiziano. Per informazioni: www.strozzina.org