Home > Webzine > Specchio di un’anima: 14 autoritratti di Luciano Ascenzi a San Salvi
martedì 12 novembre 2019

Specchio di un’anima: 14 autoritratti di Luciano Ascenzi a San Salvi

04-02-2011
Venerdì 21 gennaio si inaugura a San Salvi la mostra “Specchio di un’anima”, 14 autoritratti del pittore Luciano Ascenzi, alle ore 21. Dipinge da vent’anni Ascenzi, da quando è riuscito a trasformare la dolorosa esperienza di degente presso l’Ospedale di San Salvi a Firenze, in una rinascita della propria persona e della propria interiorità, in una ragione di vita e di riscatto sociale che ha trovato terreno fertile nella sua naturale predisposizione e interesse all’arte. Un percorso iniziato da autodidatta, animato da un grande fervore di conoscenza e di sperimentazione che lo ha condotto ad accostarsi inizialmente all’espressionismo, dando vita ad immagini di figure, animali e simboli di cruda e allucinata forza visionaria, derivante da laceranti turbamenti della sua anima. Poi, lentamente, lo spirito si acquieta, trova finalmente la calma e la pacificazione e la pittura diviene mezzo per comunicare sensazioni ed emozioni, specchio della realtà nei volti delle persone che lo circondano e che gli vogliono bene.
Nasce così un repertorio di ritratti e di autoritratti - purtroppo decimato da una funesta fase iconoclasta - quasi sempre di notevoli dimensioni che si stagliano su fondi pastello, nettamente contrastanti con la figura dai tratti fortemente marcati e dai contorni che sembrano ritagliati, a produrre volutamente l’effetto mosaico, o come preferisce definirlo lo stesso artista, quello tipico della carta da gioco. All’aspetto bidimensionale e stilizzato corrisponde però un assoluto equilibrio formale e un vivace rigore disegnativo in grado di scoprire un’intensità psicologica che si fa introspezione profonda e partecipe. Immediato è l’impatto e superba l’iperrealista resa espressiva, a connotare il carattere singolare e personalissimo di questa pittura, sicuramente molto più concettuale e raffinata di quella che si è soliti raggruppare sotto la denominazione di “Art Brut”, termine che Ascenzi decisamente rifiuta. Al vernissage sarà presente l'autore.
La mostra, ad ingresso libero, rimarrà aperta fino a venerdì 4 febbraio: orari sul sito www.chille.it