Home > Webzine > Ritratti ''posati'' – Ritratti ''rubati'' al Museo Marino Marini
giovedì 21 novembre 2019

Ritratti ''posati'' – Ritratti ''rubati'' al Museo Marino Marini

28-05-2011
Sabato 28 maggio 2011 dalle ore 15.00, in occasione della doppia personale, "Solo show" di Tomoaki Suzuki e "Free compositions" di Maria Antonietta Mameli, il Dipartimento Educativo del Museo Marino Marini (Piazza San Pancrazio - Firenze) ha ideato un’iniziativa speciale rivolta alle famiglie, cioè a un pubblico misto di adulti e bambini. Saranno attivi i laboratori Ritratti “posati” – Ritratti “rubati”: i bambini e gli adulti che partecipano a questa iniziativa sono introdotti alle opere in mostra da due operatori specializzati che stimolano una riflessione sulla rappresentazione di sé attraverso i ritratti londinesi di Suzuki, che mettono in scena un'iconografia contemporanea dei cambiamenti di usi e costumi, e il flusso fotografico di Maria Antonietta Mameli, che ritrae in assenza di contatto personale. Anche per Marino Marini il ritratto ha grande importanza poiché è usato come strumento di lettura dell’essere umano; le sue opere non solo restituiscono i tratti peculiari di ciascun personaggio, ma ne definiscono le caratteristiche interiori. Le opere in mostra e quelle del museo si legano dunque attraverso il filo del ritratto, proponendo a bambini e adulti un percorso che sviluppa la consapevolezza e la rappresentazione di sé e degli altri. Il lavoro nel laboratorio punta ad esplorare le diverse vie del ritratto, dalla pratica della posa al “rubare” e catturare l’essenza di ogni individuo in modo libero e fantasioso. L’attività ha il costo di 4 Euro a partecipante. È consigliata la prenotazione. Per informazioni: www.museomarinomarini.it