Home > Webzine > OmA Venti Quaranta, il blog che dà spazio ai giovani artigiani
lunedì 18 novembre 2019

OmA Venti Quaranta, il blog che dà spazio ai giovani artigiani

28-09-2011
L'Osservatorio dei Mestieri d'Arte accoglie nella sua nuova casa virtuale le promesse del Made in Italy ospitati in una sezione ad hoc nel blog OmA Venti Quaranta (www.omaventiquaranta.blogspot.com). La piattaforma virtuale, nata qualche mese fa dall'intuizione dell'Osservatorio dei Mestieri d'Arte - da sempre attento a divulgazione e valorizzazione dell'artigianato artistico - e aperta a chiunque (dai venti ai quarant'anni appunto) sia testimone contemporaneo del saper fare di qualità si arricchisce così di un nuovo strumento di comunicazione tutto da sfruttare. Sempre più ragazzi, uomini e donne dai venti ai quarant'anni impegnati nel lavoro del mestieri d'arte, affrontano la sfida tra saperi antichi e insidie dei tempi moderni puntando sulla Rete. Per loro, artigiani 2.0 che hanno botteghe e laboratori nel centro storico di Firenze e sperimentano collaborazioni online OmA ha costruito un luogo virtuale dove oltre a trovare informazioni, aggiornamenti e notizie in tema di formazione è possibile avere una propria 'ribalta'. La sezione 'I protagonisti' si compone così di profili agili da consultare per navigatori a caccia di tendenze del fatto a mano e per coetanei in cerca di partner con cui lavorare. Accompagnati da una foto tessera formato polaroid le schede dei giovani artigiani come delle carte d'identità in pillole comunicano storia, percorso formativo, prodotto e contatti del singolo artigiano.
Oma Venti Quaranta si propone di diventare uno strumento virtuale di servizio. Un luogo in grado di favorire scambi di saperi e 'tandem creativi'. E' questa la formula, coniata da OmA, per stimolare il gioco di squadra dei volti ospitati sul blog, partendo da un post. Condividendo pareri e immaginando nuove formule di organizzazione del lavoro scultori, designer, sarti, apprendisti, tirocinanti o già titolari di una propria bottega, forti del sapere del passato possono così ritornare al futuro.
Info: www.osservatoriomestieridarte.it