Home > Webzine > ''E tutt son peccati miei'' di Srdjan Radivojevic
martedì 31 marzo 2020

''E tutt son peccati miei'' di Srdjan Radivojevic

17-12-2011
Sabato 17 dicembre 2011 alle ore 18.00 al Nardini Bookstore (via delle Vecchie Carceri - Firenze) sarà presentato il libro "E tutt son peccati miei" di Srdjan Radivojevic, oltre all'autore sarà presente Adele Cilento, docente di Storia Bizantina. E’ difficile determinare il genere di questo libro. La cornice è un piccolo romanzo ma il vero contenuto è una raccolta delle brevissime storie di stampo profondamente eretico. Il libro tratta il difficile tema della perfezione, ma non pretende di essere una guida alla stessa. Il protagonista è un messaggero imperiale che perde la strada e si trova di fronte a una città che non esiste sulle sue carte. Lì, di nascosto, ascolta l’insegnamento di un vecchio pastore che consiste nel raccontare le storie a un ragazzo. Il messaggero è talmente incuriosito dalla natura delle storie che rimane per giorni nascosto ad ascoltarli dimenticando il suo dovere. Andando avanti, la sua curiosità si trasforma in necessità di andare fino in fondo e ciò gli porta rischi inaspettati. Le storie raccontate dal vecchio pastore, invece, non dettano le leggi, ma danno un ampio spazio all’interpretazione. Il rapporto fra Dio e uomini è in continuo sviluppo. L’uomo non è solo creazione divina, ma si crea e modifica da solo. Dio è perfetto, ma, ahimè, sbaglia ogni tanto. Agisce con le migliori intenzioni, ma la sua creatura è imprevedibile. Le storie trattano i temi della psicologia individuale e infrapersonale senza moralismi in assoluto. Lì sta il concetto della perfezione proposto: la perfezione sta nei rapporti umani, non nella virtù individuale. Lo stile di questo libro è alleggerito dall’assenza di qualsiasi nome, locazione storica e geografica, privo di abbellimenti letterari, asciutto, essenziale, semplice pur toccando i temi eterni. Srdjan Radivojevic è nato nel 1963 a Belgrado, una volta Jugoslavia, oggi Serbia. Finisce le scuole nella sua città natale, dove si laurea nel 1987 alla facoltà d’ingegneria elettrotecnica. Parallelamente agli studi, svolge le ricerche autonome sulla Bibbia e sulla Storia del movimento bogumilo (cataro). In quei tempi comincia a scrivere le prime storie per il libro “E tutt son peccati miei”. Nel 1991 Radivojevic emigra in Italia, si stabilisce a Firenze, dove vive tutt’oggi con la famiglia. Per informazioni: www.nardinibookstore.it