Home > Informazioni > Occasioni > "Le frontiere dell'astrofisica", conferenza di Alberto Righini all'Osservatorio del Chianti
sabato 25 gennaio 2020

"Le frontiere dell'astrofisica", conferenza di Alberto Righini all'Osservatorio del Chianti

22-11-2019
Per il ciclo di conferenze "Le frontiere dell'astrofisica" curate dal Prof. Ruggero Stanga, è in programma l'incontro "Il Sole, la Terra, il clima e l'imprevidenza degli Umani", venerdì 22 Novembre 2019 alle ore 21.30, con Alberto Righini del Dipartimento di Fisica e Astronomia dell'Università di Firenze, presso l'Osservatorio polifunzionale del Chianti (Strada Provinciale Castellina in Chianti SP101 KM 9, 50021 Barberino Val d’Elsa FI, Km 9,25, Firenze). Ingresso Libero.

Il Sole è una stella molto normale tra i cento miliardi di stelle che formano la nostra Galassia. Per noi terrestri è la fonte primaria di energia, anche se non esclusiva. Sappiamo che i fenomeni attivi presenti sul Sole hanno avuto un ruolo fondamentale nel regolare il clima del nostro pianeta, come risulta dagli studi eseguiti sulle “carote” di ghiaccio estratte in Antartide e dai ghiacciai della Groenlandia. La nostra atmosfera, con il suo contenuto di vapore acqueo, costituisce uno strato coibente attorno al nostro pianeta che impedisce la dispersione verso lo spazio del calore immagazzinato sui suoli e nelle acque illuminati dal Sole, mantenendo la temperatura media alla superficie della Terra intorno ai 18 gradi centigradi (effetto serra). Il vapore acqueo non è il solo gas “serra”, anche altri gas come il biossido di carbonio (anidride carbonica), l’ossido di diazoto e il Metano collaborano. Se le abbondanze di questi gas in atmosfera aumentano, l’effetto serra aumenta e la temperatura del pianeta cresce. Dalla metà del secolo scorso, la temperatura media della Terra presenta una crescita anomala, non più regolata dai fenomeni solari, ma dalle grandi quantità di anidride carbonica immessa in atmosfera dalla “civiltà" industriale; questo incremento di temperatura produce complessi cambiamenti climatici le cui conseguenze non sono ancora del tutto esplorate. Le misure ci dicono che i tempi per intervenire sono diventati molto stretti e che soluzioni efficaci debbono essere adottate rapidamente per limitare gli effetti antropici sull’effetto serra.

Calendario dei prossimi incontri

13 Dicembre 2019, Sergio Bottai: Nascita dell'Astronomia a neutrini di alta energia. Motivazioni e tecniche sperimentali
17 Gennaio 2020, Elena Amato: I messaggeri dell'Universo estremo
Febbraio 2020, Leslie Hunt e Alessandra Zanazzi: Square Kilometer Array, SKA, e la storia dell’universo
5 marzo 2020, Paolo d’Avanzo 
24 Aprile 2020, Sperello di Serego Alighieri: L’Astronomia europea in Cina: la riforma del calendario cinese ai tempi di Galileo

Maggiori informazioni: www.osservatoriochianti.it  

AC